Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sharks, avanti tutta: Forlì K.O. e primato solitario

Gli Sharks sbancano anche Forlì e volano in testa alla classifica

Domenica 6 Novembre 2016 | | LNP

Unieuro Forlì - Roseto Sharks 69-78

Forlì: Rotondo 2, Vico 18, Paolin 2, Del Zozzo ne, Ferri 2, Bonacini 5, Infante 3, Thiam ne, Blackshear 25, Crockett 12. All: Garelli.

Roseto: Smith 29, Cantarini ne, Fultz 6, Radonijc, Fattori 7, Mariani, Mei 6, Casagrande 8, Amoroso 10, Sherrod 12 All: Di Paolantonio

Note: Parziali: 16-17, 36-31, 44-55. Forlì: 18/43 da 2, 5/17 da 3, 18/21 ai liberi, 32 rimbalzi (5 offensivi), 8 assist, 14 palle perse, 10 palle recuperate. Roseto: 23/47 da 2, 8/26 da 3, 8/10 ai liberi, 46 rimbalzi (16 offensivi), 9 assist, 15 palle perse, 10 palle recuperate. Usciti per 5 falli: Radonijc. Luogo: Pala Fiera Turno di A2: 6° Spettatori: n.c.

Una fantastica Roseto infila la sua terza vittoria consecutiva, sbanca il PalaCredito di Romagna per 69-78 davanti ad oltre 200 supporters biancazzurri in delirio, ed è prima da sola in classifica visto il contemporaneo KO di Ravenna a Trieste (in attesa di Treviso-Virtus Bologna che si disputerà mercoledì). Ennesima prova superlativa per la squadra di coach Di Paolantonio, guidata dal solito Smith (26 dei 29 punti in un irreale secondo tempo) ma in cui ancora una volta tutti i componenti del roster biancazzurro hanno portato un mattone fondamentale sui due lati del campo.

Roseto, priva di Paolo Paci, comincia la sfida con Sherrod in quintetto assieme a Fultz, Smith, Radonjic e Amoroso. Coach Garelli risponde con Ferri, Vico e Rotondo in appoggio al temuto duo americano Blackshear-Crockett. Difese più attente degli attacchi nei primi minuti, vissuti su un sostanziale equilibrio (6-7 dopo cinque minuti) ed a ritmi forsennati su entrambi i fronti. Amoroso infila due triple, ma l'UniEuro resta aggrappata con Vico e le accelerazioni di Blackshear, nonostante l'ottimo lavoro biancazzurro a rimbalzo in attacco (8 nel solo primo quarto) che non viene premiato dalle percentuali di tiro: 30% dal campo per gli Sharks (Forlì fa poco meglio con il 35.7%), che chiudono avanti sul 16-17 alla prima sirena.

Due ottime difese di Forli inaugurano il secondo quarto, concretizzate dal 2+1 di Infante che vale il sorpasso. I tre falli precoci di Radonjic vengono assorbiti dal buon impatto di Casagrande, che lotta su ogni pallone e infila quattro punti consecutivi per il 21-23. Nonostante i tanti errori da entrambi i fronti, le due squadre fanno vita ad un confronto intenso e godibile per il numeroso e caloroso pubblico presente: Smith fatica contro l'asfissiante marcatura romagnola (3 punti con 1/10 al tiro nel primo tempo), ma il connazionale Sherrod (top-scorer dei suoi a quota 8 dopo venti minuti) pur tra qualche errore dà una grossa mano ai suoi vicino a canestro. Un paio di brutte palle perse aprono però la strada al contropiede locale, con l'ispiratissimo Vico (12 punti all'intervallo) sugli scudi che guida il mini-break di fine secondo quarto: all'intervallo lungo, Forlì è avanti 36-31.

Dagli spogliatoi esce però una Roseto incontenibile: 0-10 di parziale in meno di due minuti, suggellato da 5 punti di Smith che inducono alla sospensione coach Garelli. Il cannoniere di Georgia Tech, letteralmente incontenibile, piazza altri due siluri ai danni di un'Unieuro inerme di fronte alla zona rosetana: 36-46 al 24esimo, altro time-out Forlì. L'inerzia della gara però non cambia, con i locali che collezionano palle perse ed i soliti Amoroso e Smith (13 nel parziale) a bruciare ancora la retina biancorossa: il devastante parziale di 0-19 è chiuso da un 2+1 di Blackshear ( che regala all'UniEuro i primi punti del quarto dopo sette minuti. Mei e compagni restano a secco per quasi tre minuti, ma tenendo in difesa non pagano dazio e tornano in doppia cifra di vantaggio con la tripla di Fattori, prima del canestro di Bonacini che fissa un terzo quarto strepitoso per gli Sharks (8-24 di parziale!) sul 44-55.

La schiacciata in contropiede di Crockett fa alzare i decibel al PalaCredito di Romagna in avvio di ultimo quarto, ma Fattori e Smith rispondono per il nuovo +13. Forlì torna a -9 ma due giocate preziosissime di Sherrod (stoppata e canestro su rimbalzo in attacco) ridanno agli Squali la doppia cifra di margine con 6 minuti da giocare, con il gap che si dilata ulteriormente a +15 grazie al duo americano Smith-Sherrod. Blackshear e Vico provano a tenere Forlì a galla, ma Smith risponde con due penetrazioni fulminanti: gli Sharks restano avanti in doppia cifra con tre minuti da giocare. La zona ospite impedisce soluzioni rapide a Forlì, che vede scorrere i minuti senza riuscire a riavvicinarsi, anche perché un indemoniato Smith (26 punti in un irreale secondo tempo) continua a martellare la retina di casa: gli ultimi secondi servono solo a ridurre il distacco sul 69-78 finale, una fantastica Roseto rimane in testa alla classifica e si prepara ad affrontare la seconda trasferta consecutiva domenica prossima contro Recanati.

Fonte: Ufficio Stampa Roseto Sharks