Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

NBA Night in Review: i Raptors sfiorano l'impresa a Cleveland, Russell show a Los Angeles, bene i Bulls

Il meglio, il peggio e le sorprese della notte NBA

Mercoledì 16 Novembre 2016 | Mauro Mazza | NBA

TOP

D'Angelo Russell. Sontuosa prestazione della guardia dei Los Angeles Lakers che con i suoi 32 punti (11/20 al tiro) guida i gialloviola al settimo successo stagionale. Nets battuti nonostante i 30 punti di Brook Lopez ed i 29 di Bojan Bogdanovic.

Cleveland Cavaliers. Super partita a Cleveland vinta dai Cavaliers contro una Toronto davvero positiva. I Campioni NBA riescono a rimontare un disavanzo di 6 lunghezze negli ultimi 3 minuti di gioco e grazie ad una esecuzione offensiva meravigliosa nei momenti caldi della match fiaccano al resistenza dei Raptors che escono dalla Quicken Loans Arena a testa altissima. MVP del match neanche a dirlo LeBron James con 28 punti e 14 assist.

Jimmy Butler. I Chicago Bulls ottengono una straripante vittoria sul difficile campo di Portland ed il grande protagonista di serata è Jimmy Butler autore di una doppia doppia da 27 punti e 12 rimbalzi. Ma è tutto l'attacco dei Bulls finalmente a funzionare, è un caso che Rajon Rondo fosse indisponibile?

Kemba Walker. Altra prova sontuosa per il leader degli Charlotte Hornets che guida i suoi compagni al successo con 30 punti ed un eccellente 12/19 dal campo rimontando sul campo dei Minnesota T-Wolves un disavanzo in doppia cifra.

 

FLOP

Meyers Leonard. Nessun punto a referto, 0/6 al tiro per l'ala dei Portland Trail Blazers nella pesante sconfitta contro i Chicago Bulls. E' proprio l'incostanza di giocatori di contorno come Leonard il principale limite nella crescita dei Blazers.

Patrick Patterson. Nell'ottima prestazione dei Toronto Raptors a Cleveland l'unica nota stonata porta il nome di Patrick Patterson che chiude il match con soli 2 punti (1/6 al tiro) in 33 minuti. Un giocatore della sua esperienza e delle sue doti balistiche deve dare un contributo maggiore soprattutto in una serata in cui coach Dwyane Casey doveva fare a meno di DeMarre Carroll.

Dion Waiters. La buona prestazione di San Antonio è già un lontano ricordo per Waiters. 11 punti, 5/18 al tiro ed i Miami Heat continuano ad affondare venendo battuti in casa da una Atlanta non certo in serata di grazia.

 

SORPRESE

Panchina Hornets. Grande contributo dalle seconde linee nel successo degli Charlotte Hornets sul campo di Minnesota, la panchina degli ospiti fattura ben 43 punti e soprattutto vede brillare Frank Kaminsky (20 punti) ed il nostro Marco Belinelli che chiude un ottima prova da 12 punti (5/8 al tiro) in 27 minuti di impiego.