Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

NBA Night in Review: Harden annienta Portland, Minnesota e il solito Towns. Si ferma New York

I Top, le sorprese ed i Flop della nottata

Venerdì 18 Novembre 2016 | Antonio Lambiase | NBA

TOP:

James Harden: la cura Mike D'Antoni, in Texas, sta avendo i suoi frutti; una dimostrazione? Tripla-doppia per il Barba da 26 punti, 12 rimbalzi e 14 assist in soli 31 minuti in cui il #13 di Houston calca il parquet di casa. Gioca praticamente ovunque; è il solito giocatore plasmato dall'ex coach dei Knicks non difende quasi mai. Niente da fare per Lilliard e compagni, il più forte questa notte è lui; trascina alla vittoria numero 6 la sua franchigia e termina la partita con +23 di valutazione.

 

Minnesota Timberwolves: una partita mostruosa quella di Minnesota contro una squadra, Philadelphia, praticamente assente per tutti i 42 minuti e quindi per dare spettacolo, a salire in cattedra ci pensano i Timberwolves. Andrew Wiggins il lupo di Minneapolis ulula ancora una volta ai suoi tifosi ma, quasi assente nei primi due quarti (35 punti e 10 rimbalzi), accompagnato da un Karl-Anthony Towns in condizione mostruosa, doppia-doppia da 25 punti e 10 rimbalzi.

 

 

FLOP:

Boris Diaw: partito in quintetto con la nuova squadra, l'ex San Antonio non riesce ad incidere nella notte. Surclassato da Jimmy Butler e i suoi Bulls, rimane a quota 3 punti personali nei 21 minuti giocati. Ovviamente nella disfatta di casa, anche l'intera Utah non brilla, spreca il vantaggio ottenuto nei primi due quarti e perde una partita che sulla carta poteva essere alla sua portata.

 

Derrick Williams: anche lui soffre l'avvio di stagione con la nuova canotta dei Miami Heat. Fiducioso, il coach lo piazza nello Starting 5, ma delude subito. A fine partita il tabellino personale segna solamente 2 punti e 2 rimbalzi. Fortunatamente gli Heat hanno un ottimo roster e riescono a vincere la partita, nonostante l'avvio in sordina della franchigia di Miami.

 

 

SORPRESA:

Washington Wizards: seconda vittoria per la squadra della capitale. A farne le spese sono i New York Knicks. Un collettivo, quello dei Wizards, da 119 punti. Trascina il pubblico di casa già dalla fine del primo quarto ed è un vero è proprio crescendo. Il mattatore della partita? John Wall, sempre più leader della squadra con 23 punti e 11 assist