Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Real Choc! Baskonia passa a Madrid con super Blazic!

Vittoria basca 87-91

Mercoledì 26 Ottobre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

La sorpresa del martedì di Eurolega arriva da Madrid. Alla Barclaycard Arena Baskonia supera contro pronostico il Real 87-91 al termine di un confronto dominato a lungo dagli ospiti che poi hanno rischiato di perdere riprendendola incredibilmente nel finale.
Il Real, a lungo sotto tono, coglie il primo ko in Eurolega e questa sconfitta arriva come un fulmine a ciel sereno, viste le due convincenti vittorie con Olympiacos e Maccabi Tel Aviv. E' mancato totalmente Rudy Fernandez, eroe in Israele e comparsa di bassol livello stasera con soli 3 punti, ma in generale il Real ha avuto una carenza qualitativa decisiva nel match. Il miglior realizzatore è risultato Gustavo Ayon, splendido con 16 punti in nemmeno 15 di gioco, nuovo record personale per baby Luka Doncic (15 punti). Benino anche i santoni Llull e Reyes, ancora dubbi su Randolph che pare un corpo estraneo.
L'eroe per Baskonia è risultato Jaka Blazic: senza El Mago Bargnani, i ragazzi di Alonso si son posti sulle spalle dello sloveno, 27 punti e attributi d'acciaio tali da zittire la Madrid Blanca quando la rimonta pareva ormai in porto. Cecchino essenziale Shengelia, ottimo Johannes Voigtmann (18 punti), ma in generale tutto il collettivo basco ha funzionato nella maniera sperata.
Baskonia è partita fortissima con Tornike Shengelia in pompa magna con uno 0-7 velocissimo. Il georgiano è il grande protagonista di questo avvio, tanto che riesce a rintuzzare il ritorno del Real con Ayon e Llull (11-17). Baskonia è micidiale, Blazic e Larkin matano le larghe maglie Merengues spaccando la partita sul 14-27. Lo sloveno fa calare il silenzio sulla Barclaycard Arena, con Tillie porta in chiusura del primo quarto un 19-32 eloquente.
La musica non cambia in avvio di secondo quarto. Nel Real c'è mutismo generale, nessuno prende l'iniziativa e ferma la furia di Blazic e Voigtmann (28-45). A -17 esce l'orgoglio del bimbo sloveno, Luka Doncic. Assieme a Carroll, il diciassettenne guida la rimonta a -8 (43-51), ma una tripla di Tillie manda all'intervallo il match su un già ricco 43-54.
Dopo l'intervallo il Real, dopo i baby, chiede aiuto ai senatori: le triple di Llull e Reyes cambiano il match (49-54), Voigtmann con Hanga provano a resistere e riportare avanti con tranquillità Baskonia (56-64). Il Real, però, ora è in partita. Doncic con Randolph, che trova un senso al suo periodo Blanco, guidano al clamoroso -1 (66-67) la gara. Hanga chiude il quarto 66-69 Baskonia.
Ormai, però, la sensazione è che il sorpasso sia nell'aria, e in avvio dell'ultimo quarto arriva: 74-71 con Hunter e Carroll protagonisti. Le assenze ospiti e la profondità del rooster dei Blancos sembrano incidere in un finale dall'esito scontato, tanto che il Real arriva a +8 (81-73) con una schiacciatona di Randolph. Ma questo match è pieno di colpi di scena e la luce si spegne in casa Blanca: Voigtmann e il solito Blazic riportano Baskonia a -1 (82-81). Jaka firma addirittura il nuovo sorpasso ospite (84-86) con una tripla da urlo, Reyes riporta avanti il Real con un gioco da tre (87-86), ma Hanga e Blazic ribaltano nuovamente la gara e Baskonia esce trionfante da una Madrid Bianca totalmente sotto choc.