Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Euroleague Countdown #2

Il meglio e il peggio della due giorni in Eurolega da 10 a 0 - Seconda giornata

Sabato 22 Ottobre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

VOTO 10 - VASSILIS SPANOULIS

Mister 3mila! Nel largo successo dell'Olympiacos sull'Efes la firma del capitano è indelebile e storica. Una gara al limite della perfezione: 17 punti, 9 assist e il superamento dei 3.000 in carriera. Inimitabile e intramontabile, al Pireo hanno già chiesto di clonarlo...

VOTO 9 - MILAN MACVAN

Nell'Olimpia dei cuori forti lui è proprio quel Cuore Matto che cantava Little Tony. Ha la follia e sfrontatezza di zittire la Wolkswagen Arena con una prova di continuità e tanta faccia tosta quando serve, tipico del suo popolo. Anche con il Maccabi aveva fatto ottime cose, la continuità prima di tutto.

VOTO 8 - MARKO SIMONOVIC

Radonjic gli deve una cena, almeno. Entra e cambia una gara nata malissimo in casa del Galatasaray. Con 23 punti ribalta completamente la storia per la Stella Rossa, che dall'inferno di una nuova sconfitta assapora la prima vittoria stagionale. Senza dubbio decisivo.

VOTO 7 - BOBBY DIXON

E' l'emblema dei nervi saldi del Fenerbahce. Chi l'avrebbe mai detto che Mad Bobby sarebbe diventato uno spietato ragioniere? Diciamo che è maturato a tal punto da sapersi gestire, e il finale di Barcellona è emblematico. Mente (e attributi) d'acciaio!

VOTO 6 - UNICS KAZAN

Sufficienza d'incoraggiamento. Due ko su due confronti ma buone indicazioni dalla matricola russa, che non ha affatto sfigurato con il Barcellona alla prima e che ha pagato un rooster limitato in casa del Bamberg. La prima vittoria, tuttavia, non è lontana, portate pazienza...

VOTO 5 - DAVID BLATT

Perchè il suo Darrusafaka si prende 10 minuti, e passa, di non gioco prima di provare a vincere le partite? Una volta ti va bene, alla seconda paghi caro David. I Dogus sembrano ondivaghi, nonostante i mezzi per far ottime cose ci son tutti. Urge una sveglia dalla panchina.

VOTO 4 - GALATASARAY

Due gare in casa e due ko. Ok, con la Stella Rossa è stato solo un -2, ma i campioni d'Eurocup finora stanno abbastanza deludendo le attese. Una svolta lontano da Istanbul? Nell'immediato ci crediamo poco, vedremo se ci saranno segni di vita a breve...

VOTO 3 - SITO ALONSO

Pessima, per non dire, disastrosa gestione a Kaunas del suo Baskonia. Poche idee, tanta confusione e alla fine pure la squadra in campo perde il filo e pure la partita. L'ex Bilbao non convince ancora, nonostante la prima buona (e fortunata) con l'Efes.

VOTO 2 - NIKOS PAPPAS

Questa volta delude e tradisce, nella notte che sapeva di svolta europea per il Panathinaikos. Da cuor di leone con lo Zalgiris a tenero agnellino nella tana del CSKA. Manca il suo contributo ai Greens, che sfiorano il colpo ma alla fine maledicono i soli 4 punti di Nikos. Poco, pochissimo...

VOTO 1 - JUSTIN DOELLMAN

Nelle gare punto a punto non manca mai, questa volta è l'inspiegabile assente. L'americano kosovaro combina poco o nulla nel testa a testa con il Fenerbahce, che la spunta di un punto. E Justin, tu dov'eri? Sei tornato a Cincinnati? Desaparecido!

VOTO 0 - VELIMIR PERASOVIC

Doveva cambiare l'Efes, e in effetti lo sta facendo. In peggio. Dopo la sconfitta al fotofinish con la sua ex Baskonia, il tecnico croato fa una figuraccia al Pireo al cospetto del non irresistibile Sfairopoulos. Umiliato su tutta linea, che pena...