Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Serie A 2016-17, il Segnalibro #7

Cosa succede a Cantù? Milano fa 7 su 7, Caserta è la sorpresa di questo inizio di stagione

Martedì 15 Novembre 2016 | Alessandro Palermo | Rubriche & Opinioni


Settima giornata del campionato di Serie
A e, tanto per cambiare, ennesima vittoria della capolista Olimpia Milano. La truppa di coach Repesa batte Sassari (86-77) nel posticipo della domenica e fa 7 su 7. Emblematico il dato da tre punti: 5/13 per i padroni di casa, 11/40 per i sardi. A quest'ultimi non bastano i 25 punti (ma 10/20 dal campo) di Darius Johnson-Odom, al Forum è decisivo il grande ex Rakim Sanders con 16 punti a referto. Fondamentale anche il contributo di Zoran Dragic e Alessandro Gentile: il primo, in difesa, è semplicemente insuperabile; il secondo fa quello che vuole in attacco. Vittoria anche per Reggio Emilia, che espugna il "PalaDelMauro" 326 giorni dopol'ultimo ko. I vice-campioni d'Italia, nonché seconda forza del campionato, rispondono all'EA7 cogliendo il sesto successo consecutivo. Solita ottima prestazione del trio made in Italy Della Valle-Aradori-Cervi, con il primo autore di 22 punti (6/11 da tre). 15 punti, invece, per il "Cagnaccio" bresciano, con 7 rimbalzi e 4 assist. Mentre sono 17 i punti di Cervi, conditi da 9 rimbalzi. Tra gli irpini superlativa la prova di Marques Green: 27 punti in 26' per lui, con anche 8 assist, 6 rimbalzi e 35 di valutazione. E' il turno di Venezia che torna a vincere e convincere contro Pistoia (74-62), nonostante gli ospiti fossero addirittura avanti di nove alla pausa (28-37 al 20'). Mattatore Melvin Ejim con la sua doppia-doppia da 13 punti e 10 rimbalzi. Decisivo il quarto periodo dei lagunari (27-13), dall'altra parte invece 15 e 6 rimbalzi di Eric Lombardi. Colpo esterno della Germani che batte 91 a 83 l'Enel Brindisi. Brescia strappa due punti pesanti al "PalaPentassuglia" grazie ad un prerompente secondo tempo. Pugliesi avanti 45 a 42 all'intervallo ma poi affossati dal talento di Marcus Landry (25 p.) e David Moss (19). Per coach Meo Sacchetti 25 punti del solito M'Baye e 18 di Scott. Vittoria pesante di Caserta in quel di Desio, che batte all'ultimo respiro Cantù 83 a 82. Per la Juve 18 punti di Edgar Sosa, il quale manda a bersaglio la tripla decisiva e 22 di Watt. 23 di Pilepic e 18 per Waters non riescono ad evitare il ko alla Red October di coach Kurtinaitis. Torna al successo, il primo esterno, anche Varese che sconfigge 87 a 83 la Vuelle. All'Adriatic Arena di Pesaro la vince da solo Aleksa Avramovic (21 punti in 21'), con canestri pesanti nei minuti finali. Openjobmetis vittoriosa nelle Marche, nonostante un eccellente Jarrod Jones da 27 punti e 10 rimbalzi. Per chiudere il quadro della domenica, Capo d'Orlando batte Cremona 79 a 76 e coglie la sua terza vittoria cosecutiva nonostante le solite assenze di Berzins, Perl e Nicevic. Vanoli priva di Thomas e York, il primo fuori rosa ed il secondo ha risolto il proprio contratto con il club lombardo per giocare in D-League. Agli ospiti non sono bastati i 24 punti di Tu Holloway. Ultima ma non ultima la spettacolare partita tra la Dolomiti Energia Trento e la FIAT Torino, vinta dai piemontesi 74 a 70 nel postipo del lunedì. 12 di Flaccadori e Hogue da una parte, 21 di Washinghton dall'altra. Decisiva la tripla nel finale di Chris Wright ad una manciata di secondi dalla fine.

La squadra: CASERTA
E' la sorpresa del campionato, fino a questo momento. La Juve è terza, insieme ad Avellino, con un bilancio di cinque vittorie e due sconfitte. Un piazzamento che forse nessuno si sarebbe aspettato alla vigilia del nuovo campionato. La squadra di coach Sandro Dell'Agnello è in forma e non è più da sottovalutare. Ora in Campania sognano le Final Eight, obiettivo alla portata.

MVP: DERON WASHINGHTON (TORINO)
Favolosa la prova dell'ala ex Vanoli Cremona, che a Trento ha saputo davvero ricoprire tutti i lati del campo. Decisivo a rimbalzo (10), in difesa (3 stoppate), al tiro (8/10 da due) e in veste di assist-man (3). Poi, a tutto questo bisogna aggiungere i punti (21) e la valutazione (32). Secondo Legabasket è lui l'MVP della settima giornata e noi, stranamente, ci troviamo molto d'accordo.

La partita: AVELLINO-REGGIO
Il match del "PalaDelMauro" ha dato la conferma che Avellino e Reggio Emilia, tolta la corazzata Olimpia Milano, hanno qualcosa in più di tutte le altre. Sono e saranno loro le vere antagoniste dell'EA7 fino alla fine della stagione.

Il caso: CANTU'
Cosa succede a Cantù è un mistero. A Desio, dopo l'incredibile finale con Caserta - che ha portato al terzo ko consecutivo - dalla curva e non solo si è abbattuta in campo una tempesta di fischi. Tutti rivolti alla squadra. E forse, aggiungiamo noi, anche ai Gerasimenko, i quali ad inizio anno avevano pompato un po' troppo l'ambiente. Squadra ed obiettivi ridimensionati.

Da non perdere il prossimo turno: SASSARI-AVELLINO
Sfida ai piani alti di classifica. La Dinamo è chiamata al riscatto dopo il ko del Forum ma la Scandone potrebbe anche infliggerle la quarta sconfitta in otto incontri. Coach Pasquini è avvisato.

 
Rubrica a cura di Alessandro Palermo,
RIPRODUZIONE RISERVATA*