Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Teodosic stoppa un immenso Langford, e il CSKA vola a 8

Vittoria dei moscoviti 98-80 sull'Unics Kazan

Giovedì 27 Ottobre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

Nonostante le fatiche di Istanbul il CSKA resta sempre sul pezzo. Nel derby russo con l'Unics Kazan, i campioni d'Europa si sono imposti 98-80. mettendo in mostra tutto il rooster e le mille risorse a disposizione di Dimitris Itoudis.
In una serata dove Nando De Colo se l'è presa con calma (11 punti), la scena è toccata a Milos Teodosic: 16 punti e 10 assist, che hanno permesso il 4 su 4 per il CSKA a punteggio pieno. Molto bene Higgins e Hynes, rispettivamente 14 e 10 punti ma praticamente privi d'errori nelle loro conclusioni. Teodosic ha superato nei punti in Eurolega JR Holden (2397 contro 2388).
L'Unics Kazan rimane ancora a zero, nonostante al serata mostruosa di Keith Langford: 36 punti e record stagionale. Non è bastata a Pashutin la prova dell'americano, e nemmeno quella di Quino Colom (12 punti): il resto della squadra è parso decisamente sotto tono e stanco dal recente tour de force.
Tuttavia gli ospiti erano partiti bene con Parkhouski e Langford, sfuggendo al CSKA sul 13-18. I padroni di casa, però, hanno subito messo le cose in chiaro con Higgins, chiudendo 23-20 il primo quarto.
Appoggiato alle spalle di Langford, l'Unics ha perso molte altre fonti e perde contatto con il CSKA, che scappa a +7 (34-27), grazie a un buon Aaron Jackson che guida i suoi all'intervallo 47-43.
Dopo la sosta Milos Teodosic decide di impegnarsi, e chiude di fatto il discorso: 3 assist e altro che infliggono un parziale di 13-2 che devasta la partita e porta a fine quarto il 68-55.
Nell'ultimo quarto la gara diviene platonica sul piano del risultato ma regala i record di Teodosic e Langford, autentico gigante nell'ennesima serata amara del suo Unics ancora malinconico ultimo.