Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Little Italy #1 – Danilo Gallinari

La preseason è terminata e Gallinari si appresta ad affrontare la sua nona stagione NBA

Sabato 22 Ottobre 2016 | Fabrizio Fasanella | Rubriche & Opinioni

Da settimana prossima si inizia a fare sul serio. Con la vittoria di ieri notte contro Dallas al Pepsi Center (101-75), i Nuggets hanno chiuso la Preseason col sorriso e tanti input positivi in vista della nuova e attesissima stagione. Il punto fermo della franchigia del Colorado non può che essere Danilo Gallinari, che con i suoi 16 punti in 16 minuti nell'ultima amichevole ha dimostrato di essere già in ottima forma. L'azzurro, a soli 28 anni, è il veterano e leader di un team giovane e inesperto, ma che ha già imparato a conoscersi grazie a una stagione di adattamento alle spalle. L'obiettivo è arrivare ai Playoffs.

 

MANO CALDA

Precisione. È questa la parola chiave del precampionato del 'Gallo'. L'ex Knicks ha riposato in tre delle otto amichevoli dei Nuggets (4-4 il record) e ha avuto un minutaggio limitato (25.8 minuti). Quando ha giocato, però, ha mostrato dei lampi di classe a dir poco incoraggianti. L'azzurro ha quasi sempre dosato i tiri senza forzare, trovando delle ottime percentuali: 50% dal campo contro Toronto, 60% contro i Lakers, 87.5% contro i Warriors e 100% contro i Mavericks (l'unica macchia il 4-13 contro OKC).

I tiri, quindi, sono entrati con continuità. Ed è un segnale confortante dato che stiamo parlando del leader offensivo (e non solo) indiscusso dell'organico giallo-azzurro. Le percentuali, nella passata stagione, sono state spesso un problema e un ostacolo per Gallinari, che è riuscito però a superare grazie alle sue eccellenti abilità nel subire i falli per convertire in lunetta. Se nel 2016-17 dovesse mantenere continuità sotto tale aspetto, potrebbe fare un ulteriore salto di qualità come giocatore d'élite della Lega d'oltreoceano.

 

ALL-STAR GAME E PLAYOFFS

Parlando di cifre, mantenere una media di 20-22 punti con percentuali vicine (se non superiori, anche se per un'ala che ha tanti tiri tra le mani è difficile) al 50% sarebbe un ottimo traguardo per affermarsi tra i grandi. Ma per raggiungere il sogno dell'All-Star Game, e il 'Gallo' lo sa, il record di squadra deve essere vincente. Denver ha tanto talento e in estate è stato fatto solo qualche piccolo ritocchino al roster (via il free-agent DJ Augustin e il francese Lauvergne via trade in cambio di scelte future), perché la dirigenza crede molto nel nucleo giovane e talentuoso alla base dei progetti di franchigia. Inoltre è tornato Wilson Chandler, attaccante puro che darà un contributo prezioso uscendo dalla panchina. Guardando gli equilibri della Western Conference, i Nuggets hanno tutte le carte in regola per fare i Playoffs. Se non dovesse succedere, parlare di fallimento sarebbe più che opportuno.  

Il numero 8 è pronto ad affrontare la sua nona stagione NBA. Mai come quest'anno dovrà esibire fuori e dentro il parquet la sua leadership, dato che la squadra è evidentemente costruita attorno a lui. La pressione (nel senso più buono del termine) c'è, la voglia di fare bene anche e il 26 ottobre (prima gara di Regular Season a New Orleans, diretta Sky Sport alle 2 italiane) è alle porte.

 

Danilo Gallinari – statistiche Preseason:

25.8 minuti, 16.5 punti (53.3% dal campo, 61.5% da 3 e 85.7% ai liberi), 3.6 rimbalzi e 2.2 assist.