Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Olimpia, che reazione! Efes spazzato via 105-92

Terza vittoria in Eurolega per i milanesi. 22 punti di Sanders e 17 di Gentile; tripla doppia sfiorata di Simon

Giovedì 10 Novembre 2016 | Fabrizio Fasanella | Eurolega

Assago (MI). Dopo la sconfitta in overtime a Bamberg e la strigliata domenicale di coach Repesa, Milano tira fuori l'orgoglio e gioca una gara di grande carattere contro i turchi dell'Efes. L'Olimpia si conferma una macchina offensiva infermabile con un fluido movimento di palla e percentuali eccezionali (52,2% da 2 e 68,4% da 3); l'Anadolu, dall'altra parte, difende in maniera terribile ed è incapace di reagire al break meneghino nel terzo quarto. Ci sono cinque uomini in doppia cifra nell'organico di coach Repesa (top scorer Sanders con 22 punti conditi da 7 rimbalzi e un'ottima difesa, 17 di Gentile), anche se non vanno dimenticate le prestazioni Abass e McLean. Tripla doppia sfiorata per un Simon da 14 punti, 9 rimbalzi e 8 assist.

 

METRO ARBITRALE – I direttori di gara fanno subito capire a giocatori e allenatori di aver scelto un metro di giudizio molto severo. Gentile e Osman, i due giovani protagonisti dell'avvio (16 punti in due dopo 10 minuti), hanno già 2 falli a testa e i coach devono cambiare strategie, dato che i fischi non risparmiano nemmeno Hickman (2) e Cotton (3).

LE PERCENTUALI NON BASTANO – Dopo una prima frazione equilibrata (+1 25-24), Simon apre il secondo periodo con 5 punti consecutivi che costringono Perasovic a chiamare timeout (Istanbul sotto 24-33). Il croato, in seguito, segna un'altra tripla che dà ufficialmente il via a una pioggia di "bombe" biancorossa: dall'arco realizzano anche Kalnietis e Sanders, con l'Olimpia avanti 48-34 a metà quarto. Milano corre, muove bene la palla ed è aiutata da percentuali eccellenti (56% da 3 e 63,6% da 3 alla pausa lunga). Ma nel finale del primo tempo, complice una difesa casalinga poco attenta e un tecnico contro Repesa, l'Efes reagisce: parziale di 9-0 e svantaggio ricucito fino al -4. A spegnere l'entusiasmo dei turchi ci pensa un ottimo Gentile, che realizza un tiro da metà campo sulla sirena del primo tempo. 55-49 EA7 all'intervallo.

DOPPIA CIFRA – Milano, all'inizio della terzo quarto, vola sul +12 e arretra immediatamente a -6 a causa di un break turco portato avanti dai canestri da sotto di Honeycutt, Heurtel e Dunston. La truppa di coach Repesa, però, mantiene alta la concentrazione e riesce (per la prima volta) a raggiungere la doppia cifra di vantaggio senza permettere agli avversari di rimontare: McLean e Kalnietis firmano il 72-62, poi il timeout di Perasovic non spezza il ritmo dei padroni di casa e il break dell'Olimpia prosegue con Simon e la schiacciata in contropiede di Sanders. L'EA7, migliorata in difesa, è sopra 79-67 dopo 30 minuti.

MATURITÀ - L'EA7, nell'ultimo periodo, amministra il vantaggio con una maturità notevole, senza mai farsi prendere dalla fretta. Simon serve splendidamente McLean e Abass sigla la tripla del massimo vantaggio Olimpia, avanti 87-71 a 7 minuti dalla fine. Heurtel e Dunston provano disperatamente ad accorciare, ma è ormai troppo tardi. McLean segna di voglia l'and-one del +14, Sanders scrive 2 e Raduljica dà spettacolo nel finale. Vince Milano 105-92.

 

Euroleague, Round 6: EA7 Emporio Armani Milano - Anadolu Efes Istanbul 105-92 (25-24, 30-25, 24-18, 26-25)

Milano: Sanders 25, Gentile 17, Simon 14, Raduljica 13, Kalnietis 10, Abass e McLean 9

Istanbul: Heurtel 18, Dunston 17, Brown 16, Osman 14, Thomas 10.