Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Lo Zalgiris mata Baskonia e fa festa con Leo Westermann

Finisce 78-73 per i lituani

Sabato 22 Ottobre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

Lo Zalgiris c'è, eccome se c'è. La buona prova di Atene contro il Panathinaikos, nonostante il ko, non era stata un fuoco di paglia per i lituani che hanno superato a sorpresa 78-73 Baskonia.
A sorpresa fino a un certo punto, perchè la squadra di Sarunas Jasikevicius sta smentendo sul campo chi l'aveva definita prematuramente cenerentola di questa Eurolega.
Nella vittoria sui baschi, arrivata di forza e in rimonta, la firma principale è stata quella di Leo Westermann, 20 punti e tanta grinta, tale da trascinare i biancoverdi al primo meritato hurrà stagionale. Ancora bene Motum (12 punti), tanto sacrificio da parte del resto del team.
Baskonia paga la presunzione e la poca unità di gruppo. Bene Hanga (18 punti) e Bargnani (17), ma dietro poca sostanza e poco cuore. Un malus per Sito Alonso, che aveva visto una prova tutta grinta solo una settimana fa sull'Efes...
Il primo quarto è stato decisamente combattuto. Westermann ha subito mandato avanti lo Zalgiris 8-6, Baskonia però ha prontamente reagito mettendo in mostra subito i due assi di serata, Bargnani e Hanga, chiudendo il primo quarto avanti 20-23.
La gara sembra prendere la piega ospite nel secondo quarto: Blazic avvia il +7 (24-31), lo Zalgiris prova a non cedere con Motum, ma ancora un ottimo Bargnani rintuzza le velleità lituane mandando le squadre al riposo sul 34-40 Baskonia,
La luce, però, nel terzo quarto, si spegne per la squadra di Alonso e si illumina per lo Zalgiris. Hanga e Bargnani si inceppano, Kavaliauskas, Westermann e Milaknis infiammano tutta Kaunas e producono il sorpasso (53-52). Baskonia prova a non mollare, 61 pari a fine terzo quarto.
Ma l'abbrivio è ormai tutto per i padroni di casa, che hanno in Leo Westermann l'eroe che spezza le catene della parità. Si scappa così sul 72-68, fuga decisiva che va fino alla fine sul 78-73 che fa uscire Bargnani e company a testa china con i lituani che rivedono la luce.