Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

"Saranno Famosi" 2016-17 #3: cosa succede tra i rookies?

Embiid, Sabonis e il prospetto Lauri Markkanen

Venerdì 4 Novembre 2016 | Luca Marchelli | Rubriche & Opinioni

Rookie della settimana: Joel Embiid

Le partite giocate in settimana per Joel Embiid sono state due, rispettivamente contro gli Atlanta Hawks e gli Orlando Magic. I Philadelphia 76ers però hanno disputato una gara in più, visto che nella notte italiana tra giovedì e venerdì hanno affrontato gli Charlotte Hornets. Embiid è stato escluso dalla lista dei disponibili, perché la dirigenza della squadra oltre a limitargli i minuti di gioco, ha scelto di non farlo giocare nei "back-to-back" per evitare eventuali infortuni. Nonostante queste limitazioni il giocatore proveniente da Kansas University, ha disputato due partite di gran livello, considerando anche i pochi minuti impostatigli. Nei rankings per il "ROY" Joel Embiid sembrerebbe rimanere al primo posto, avendo attualmente alle sue spalle pochi rivali.

Statistiche settimana:         

16 Punti, 6 Rimbalzi, 2 Assist, 3 Stoppate, 0.5 Palle recuperate.

%Tiri Totali: .523
%Tiri da 3: .500
%Tiri Liberi: .692

(19.5 Minuti)

Il caso: Domantas Sabonis

Il Rookie da Gonzaga scelto alla numero undici dagli Orlando Magic, per poi esser scambiato agli Oklahoma City Thunder (nella trade che ha portato Ibaka ad Orlando e Oladipo ad Oklahoma), è riuscito a diventare il primo giocatore nella storia dei Thunder, ad eseguire il suo debutto in Nba partendo da titolare:
l'unico giocatore a fare ciò dai tempi di Kevin Durant con i Seattle Supersonics nel 2007. Il figlio d'arte di Arvydas Sabonis, sta ripagando la fiducia riposta da coach Billy Donovan, dimostrandogli di meritarsi questo ruolo. L'unico problema che lo ha limitato in quest'ultime partite è stato il numero di falli commessi (3.2 in 16.2 minuti di gioco). La miglior prestazione del giovane lituano è avvenuta contro i Golden State Warriors (difeso da Draymond Green) dove ha registrato: 13 Punti, 6 rimbalzi,  3 assist e una stoppata, tirando con il 50% al tiro (6-12) in 26 minuti di azione.

Statistiche stagione:

6.4 Punti, 3.2 Rimbalzi, 0.8 Assist,
0.4 Stoppate

%Tiri Totali: .518
%Tiri da 3: .571

(16.2 Minuti)

Classifica "Rookie of the year":

-( ) Posizione Settimana precedente
-(X) Non nella Top 10

1°) Joel Embiid, PHI (4°)
2°) Jaylen Brown, BOS (9°)
3°)KrisDunn, MIN (3°)
4°) Brandon Ingram, LAL (2°)
5°) Marquese Chriss, PHX (8°)
6°) Domantas Sabonis, OKC (6°)
7°) Buddy Hield, NOP (1°)
8°) Wade Baldwin, MEM (X)
9°) Pascal Siakam, TOR (X)
10°) Jamal Murray, DEN (5°)

(X) Dario Saric, PHI (7°)
(X) Taurean Prince, ATL (10°)

 

Il prospetto: Lauri Markkanen

Età: 19
Nazionalità: Finlandese
Altezza: 213 cm (7ft 0in)
Peso: 104,3 kg (205lb)
Ruolo: Ala Grande/Centro
Previsione Draft 2017: #13
Squadra: Arizona Wildcats

Statistiche:
(2016 Fiba U20 European championship)

24.9 Punti, 8.6 Rimbalzi, 1.0 Assist,
2.3 Palle recuperate, 1.3 Stoppate,
41.6 PER.

%Tiri Totali: .504
%Tiri da 3: .390
%Tiri Liberi: .540

L' 11 Novembre 2015 Lauri Markkanen rese noto in una lettera, che egli giocherà nel Ncaa quest'anno con gli Arizona Wildcats. Secondo molti scout il giocatore finlandese rimarrà un solo anno ad Arizona per poi tentare subito l'approdo in Nba (one-and-done player).
Il potenziale è evidente e lo dimostra anche la statistica del PER (Player Efficiency Rating). Nel torneo U20 gli unici giocatori ad aver avuto un risultato simile sono stati solo Tony Parker e Nikola Mirotic. Attualmente è posizionato alla numero 13 nel "mock draft", la sua collocazione si deve al potenziale dei suoi punti forti e nelle problematiche dei suoi punti deboli, ora andiamo ad osservarli.

Punti Forti:

ALTEZZA & AGILITÀ:
2,13m di pura agilità e coordinazione, buona stazza per un ipotetico 4 in Nba. Molto leggero sui piedi e fluido nei movimenti, in transizione corre molto bene il campo rendendosi pericoloso in situazioni di "Coast to Coast".

ABILITÀ OFFENSIVE:
Grande tiro da oltre l'arco che gli permette di giocare come "Stretch Four", aprendo così spazio in attacco per i suoi compagni, ottima meccanica di tiro (41% da 3). Lauri è molto pericoloso in situazioni di Pick&Pop (5-11), in isolamento realizza per possesso 1.06 punti.

RUOLO IN NBA & DNA:
Il suo ruolo quello da Tiratore da oltre l'arco, che copre la posizione di 4 (Stretch Four) è molto ricercato nell'NBA moderna. Il padre giocò anch'egli nell'Ncaa ma con i Kansas Jayhawks, inoltre il fratello attualmente gioca nell'Aik Fotboll (squadra della serie A svedese).

Punti Deboli:

IMPATTO IN DIFESA:
Markkanen ha una corta wingspan che non gli permette di deviare o ostacolare i tiri degli avversari (1.1 Stoppate proiettate su 40min) tutto questo causa problemi nella difesa al ferro. Giocatore ancora inesperto visto che salta sulle finte e molto spesso gli capita di perdere l'uomo, soprattutto in situazioni di Pick&Roll.

CONSISTENZA A RIMBALZO:
Sotto i tabelloni è facilmente spinto anche se la sua tecnica di tagliafuori è tutt'altro che malvagia. Molto spesso però è passivo in situazioni di rimbalzo (7.3 rimbalzi difensivi su 40min)

GIOCARE VS CONTATTI:
Ha difficoltà a tirare nell'aria visto il suo fisico, inoltre non è neanche molto esplosivo (54% al ferro). In post viene facilmente respinto fino addirittura alla linea dei tre punti.

ABILITÀ DI PASSAGGIO:
Esegue pochi assist per i suoi compagni (1.3 su 40min) non ha un vero istinto in questo settore del gioco. I suoi passaggi sono scolastici e finiscono spesso con una palla persa.