Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

L'Olympiacos si riscatta sul Barcellona e celebra Spanoulis

Greci vittoriosi 59-52

Mercoledì 16 Novembre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

Dopo il brutto ko con il Galatasaray, l'Olympiacos ha ripreso la marcia, superando un ancora deambulante Barcellona (causa assenze) 59-52, raggiungendo così in classifica i catalani a quota 8 che non riescono ad ottenere il quarto successo consecutivo, il che sarebbe stata una piccola impresa viste le condizioni d'emergenza in cui versano.
In una gara dai punteggi bassissimi l'evento principale è stato un nuovo appuntamento con la storia per Vassilis Spanoulis, che ha segnato 15 punti e 6 assist, arrivando a quota 1000 in Eurolega in questo campo. L'Olympiacos ha brillato in fase difensiva, trovando 9 punti con Erick Green e 7 con Khem Birch e Georgios Printezis.
Nel Barcellona fatali le moltitudini di palle perse (ben 17), pescando il migliore in Jonathan Holmes con 13 punti e 9 rimbalzi, seguito da Tyrese Rice che ha aggiunto 11 punti ma risultando inguardabile da 3 dove ha avuto una terribile percentuale di 0% sui cinque tentativi effettuati.
L'inizio è stato equilibrato con un botta e risposta tra Tomic e Spanoulis e il vantaggio dei biancorossi per 11-9. Spanoulis entra nella storia con il suo millesimo assist e conduce si suoi sul 19-12. Il Barça si aggrappa ad Holmes che recita 10 punti nei primi 10 di gioco, ma non basta: 21-16.
Green spinge avanti l'Olympiacos, Dorsey replica e si va sul 32-25 per i ragazzi di Sfairopoulos al termine di un secondo quarto decisamente brutto.
Dopo l'intervallo è sempre e solo Spanoulis show, mentre nei catalani si vede Rice finalmente, che con Dorsey accorcia fino al 39-34. Ma il Barça si spegne, sotto i colpi di Papapetrou e Daniel Hackett che chiudono il terzo quarto sul 49-38.
Nell'ultimo quarto, con Rice, il Barcellona riesce a rifarsi sotto, arrivando sul 56-51 tuttavia Birch spazza via le ultime resistenze con una tripla che chiude il discroso sul 59-52 che fa respirare tutti al Pireo aria buona d'alta classifica.