Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

NBA, Golden State: Cosa pensa del neo eletto Donald Trump

Il coach Steve Kerr parla a riguardo della nuova politica trumpista

Venerdì 25 Novembre 2016 | Antonio Lambiase | NBA

I tifosi di Golden State hanno un solo obiettivo in testa "Rimanere concentrati sul basket". Ed è quello che Steve Kerr deve fare.

Ma l'ormai navigato coach (nato a Beirut e cresciuto in Egitto) non vuole proprio sapere di non commentare la cronaca che va oltre la pallacanestro ed è quello che ha fatto ai microfoni della CNN riguardo la nuova politica adottata dal neo eletto presidente Donald Trump.

 

Le persone vogliono sapere cosa ne pensiamo. Perchè non dovrei rispondere? Se c'è qualcosa di importante su cui argomentare perchè non farlo. In queste elezioni, per la prima volta nella mia vita, mi sono sentito arrabbiato, ho avuto paura, sono rimasto disgustato. Non mi importa di quale schieramento politico uno è. Le persone votano per qualsiasi tipo di diritti: per l'aborto, le unioni civili o per una politica estera migliore ed è giusto essere a favore di questo o di quello o al limite essere preoccupato. Ma in queste ultime elezioni non c'è stato nulla di "politico" ma solo disprezzo e paura. E il candidato ha fatto in modo che ha scatenato tutto ciò.