Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Per Super-Fantinelli è serata da tripla doppia: Treviso batte Imola e vola al primo posto

Il giocatore della TVB mette a referto 14 punti, 12 rimbalzi e 10 assist e veste i panni del protagonista nella vittoria sull'Andrea Costa che vale il primato per i veneti

Mercoledì 30 Novembre 2016 | | LNP

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – ANDREA COSTA IMOLA 77-65

DE’ LONGHI: Fantinelli 14 (2/7, 3/4), Moretti 14 (3/4, 2/2), DeCosey 9 (3/9, 1/4), Perry 11 (4/7, 0/3), Ancellotti 8 (3/6 da 2); La Torre 7 (1/1, 1/1), Malbasa, Saccaggi 6 (1/2, 1/6), Rinaldi 8 (3/5, 0/1), Poser, Marini. NE: Negri. All.: Pillastrini

ANDREA COSTA: Cohn 17 (6/11, 1/3), Hassan 7 (2/4, 1/7), Ranuzzi 13 (2/5, 1/4), Hubalek 9 (0/2, 2/3), Maggioli 10 (5/9, 0/1); Tassinari 9 (2/4, 1/4), Borra 0 (0/1 da 2), Preti. NE: Cai, Prato. All.: Ticchi

ARBITRI: Pepponi, Salustri, Marota.

NOTE: pq 14-19, sq 30-34, tq 54-51. Tiri liberi: Treviso 13/16, Imola 13/15. Rimbalzi: Treviso 25+17 (Fantinelli 10+2), Imola 19+12 (Ranuzzi 5+1). Assist: Treviso 21 (Fantinelli 10), Imola 13 (Ranuzzi 4). Fallo antisportivo a Saccaggi al 28’58” (50-47). 5 falli: nessuno. Spettatori: 4430.

Ottava vittoria su dieci partite per Treviso che ottiene un prezioso successo contro una delle squadre più ostiche del campionato, quell’Andrea Costa Imola che l’anno scorso si era imposta nel doppio confronto in regular season contro la Pillastrini-band. TVB soffre nei primi venti minuti, poi fa esplodere tutto il suo potenziale nella seconda parte di gara, grazie ad un Fantinelli da tripla-doppia e ad una prestazione corale al solito superlativa.

LA CRONACA

È Ancellotti a sbloccare il match con due tiri liberi di una partita che non decolla subito. Quelli del lungo reggiano sono infatti gli unici punti di TVB nei primi quattro minuti di gioco. Non che Imola abbia vita più facile in attacco, anzi. Il pareggio di Maggioli arriva solo al 3’, poi la bomba di Hubalek scalda i supporter ospiti giunti nella Marca. Qui si scalda Moretti: il golden boy trevigiano ne mette quattro in fila, ma Imola trova il sorpasso con Ranuzzi e Maggioli. La Torre e Rinaldi rispondono presente, ma Cohn e una tripla di Hassan propiziano la mini-fuga ospite. Ancora La Torre va a bersaglio con due tiri liberi per il -2 (12-14), poi Tassinari pesca la tripla. Dalla lunetta Rinaldi e Tassinari fissano il punteggio sul 14-19.

Un gioco da tre punti di Ranuzzi dilata il vantaggio in favore di Imola, ma la bomba di DeCosey riaccende la fiamma dell’attacco di TVB, che dopo una super difesa si proietta in attacco e accorcia ulteriormente le distanze con Ancellotti, abile a sfruttare i suoi centimetri sotto il canestro avversario. Ticchi chiama time-out, che non frena la spinta di TVB, ora a -1 grazie a Rinaldi. Cohn da una parte e Saccaggi dall’altra si danno battaglia, poi è la guardia americana a sparare il siluro del +4. Un minuto di sospensione a testa per sistemare alcuni dettagli e si riprende al 15’ sul 27-23 pro Imola. La sosta porta beneficio maggiore agli ospiti, bravi a sfruttare i tiri piazzati di Maggioli e Cohn, mentre TVB fatica molto ad attaccare il fortino predisposto da Ticchi che, memore del doppio successo della passata stagione, punta a fermare la corsa di TVB e sceglie spesso la difesa a zona per arginare le offensive della Pillastrini-band. Oltretutto, il giovane Tassinari è particolarmente ispirato e firma il +10 per l’Andrea Costa. A riportare lo svantaggio sotto la doppia cifra ci pensano due triple: prima La Torre, poi capitan Fantinelli allo scadere fanno esplodere il Palaverde coi loro siluri e accorciano le distanze fino al -4 (30-34).

Hassan riapre le danze con un fade-away, poi Perry si iscrive a referto con due punti dalla lunetta. Saccaggi ruba palla e in contropiede serve Fantinelli per il -2. Rimbalzo di Ancellotti, altro attacco a mille e morbido tiro di Perry per il pareggio a quota 36. Il vento è cambiato e si capisce nell’azione seguente: difesa che costringe Cohn ad un tiro forzatissimo, in attacco palla a DeCosey che prende la linea di fondo e schiaccia a due mani. E non è finita, TVB recupera un altro pallone e stavolta è Ancellotti da sotto a coronare un parziale di 10-0 con Ticchi che chiama time-out sul 40-36. Treviso è nella sua zona magica: Fantinelli è ovunque, ruba palla e smazza un assist per lo schiaccione di Perry. Imola è alle corde, Saccaggi manda a segno la sua prima tripla e il parziale diventa di 15-0 in tre minuti. Ranuzzi tampona l’emorragia da tre. Bel botta e risposta tra Maggioli e Ancellotti, in una partita dove non ci si può rilassare. Hubalek da tre per il 47-45, poi il gladiatore Rinaldi si fa sentire sotto canestro e Saccaggi colpisce con le sue fulminee incursioni. A un minuto dal termine del quarto, Saccaggi commette fallo antisportivo su Hubalek e la partita si riapre definitivamente con i due tiri liberi del ceco (50-49 TVB). Perry sigla il suo ottavo punto in questi 10’, gli risponde Tassinari, poi ancora Fantinelli si mette in proprio e segna allo scadere, stavolta da due. Quando resta solo un quarto da giocare Treviso ha una piccola dote di tre punti di vantaggio.

Numero di Perry in apertura di ultima frazione, poi ancora il “rasta” di TVB è protagonista: ruba palla in attacco e serve un assist per la schiacciata bimane di DeCosey. Ancora Perry per il +8 prima del canestro di Maggioli, ma Fantinelli è fantastico e con un’altra tripla sale a quota 11. Il capitano continua a stupire con rimbalzi e assist e al 35’ è in tripla-doppia (11 punti, 10 rimbalzi e 10 assist), tanto da meritarsi il soprannome di “Westbrook di TVB” (il riferimento è al giocatore NBA di Oklahoma protagonista di questo avvio di stagione negli USA). Ormai Treviso è lanciata: ci pensano Moretti e ancora Fantinelli con due triple a far esplodere gli oltre quattromila del Palaverde, accorsi come sempre numerosissimi anche in occasione del turno infrasettimanale. Il time-out ospite sul 73-59 per TVB a 4’ dalla fine non sovverte l’inerzia. Imola ci prova, soprattutto con il tiro pesante, ma il divario resta praticamente intatto fino alla sirena finale.

Fonte: Ufficio Stampa Treviso Basket