Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

A Chieti si ferma la corsa della capolista Jesi

Proger Chieti 85 - 79 Aurora Basket Jesi (parz: 24-17; 43-32; 63-59; 85-79)

Lunedì 24 Ottobre 2016 | Umberto Fusella | LNP

Dopo la debacle di Trieste e dopo la carica suonata in settimana dal play toscano Mattia Venucci, arriva la reazione della Proger Chieti (quella che tutti i tifosi biancorossi attendevano) che con una bella prova di squadra infligge il primo stop della stagione alla sorprendente capolista, Aurora Jesi. Dopo un primo quarto in equilibrio, in cui si è visto subito un Cade Davis in gran spolvero e con mani molto educate, Chieti prova a scappare e ad alzare il ritmo nel secondo quarto. L'aumentata intensità dei biancorossi di casa, produce il primo allungo importante con Jesi sempre sotto nel punteggio e incapace di reagire, forse anche a causa delle prove non proprio brillanti, fino a quel momento dei due americani. La point guard Tim Bowers (ex Ferentino) infatti risulterà nullo per tutto il primo tempo. Chieti da parte sua ne approfitta e si porta avanti di 11 lunghezze, grazie alle fluide giocate nell'area pitturata di Chris Mortellaro e alle incursioni del solito indomabile Trae Golden, chiudendo così la seconda frazione 43 a 32. Alla ripresa del gioco, dopo il lungo intervallo, Jesi cerca di rientrare in partita grazie al talento dei 2 colored, Davis e Bowers che cominciano a mettere in mostra il loro repertorio e a deliziare la platea con bei numeri d'alta scuola, ma il team di coach Galli sembra avere più ritmo nelle gambe e fino alla metà del quarto riesce a mantenere inalterato il proprio vantaggio. Ma Dwayne Davis che non è più il diesel delle battute iniziali non ne vuole sapere, dimezza lo svantaggio e riavvicina il team bluarancio di coach Cagnazzo a sole 4 lunghezze di distanza all'ultimo intervallo. Buon per Chieti che a poco più di 8min. dal termine, torna in cattedra Cade Davis che scaglia una tripla molto importante che riporta la Proger a + 9. E subito dopo anche Matteo Piccoli buca la retina di Jesi con una bomba devastante che fa volare i padroni di casa a + 12. Sembrerebbe fatta ma l'altro Davis non è da meno e con la sua ennesima prodezza da oltre l'arco, riporta Jesi a - 6 a 3min. dal termine. Minuti finali concitati con i marchigiani che ora hanno ritrovato il morale e la fiducia, ma ci pensa nuovamente la premiata ditta Davis & Mortellaro a tirare fuori le castagne dal fuoco e con l'ennesimo fallo (antisportivo) fischiato ad Andrea Picarelli a 18sec. dalla sirena, Chieti finalmente può festeggiare la vittoria, forse con qualche sofferenza di troppo ma meritatissima, dopo essere stata in testa praticamente per l'intero arco del match.

LOW: i tanti falli antisportivi di Jesi.

HIGH: la vagonata di assist (7) di Matteo Piccoli.

NUMBERS: 26 (6/10 da 2, 4/8 da tre) i punti di Cade Davis. 40 i minuti giocati, 26 i punti e 9 i rimbalzi di Dwayne Davis (MVP). 30 i rimbalzi totali di Jesi. 26 gli assist di Chieti.

 

Foto: Giampaolo Rosati (Fotografo ufficiale Pallacanestro Chieti)