Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Orlandina Basket: primo successo stagionale in trasferta contro Brescia

Domenica 6 Novembre 2016 | | Serie A

Prima vittoria esterna stagionale per la Betaland Capo d'Orlando che con una prova di grande generosità per via delle numerose defezioni espugna il parquet della Germani Brescia con il punteggio di 89-90, dopo un tempo supplementare nell'anticipo della sesta giornata di Serie A. Ancora una grande prestazione del play urugugio Bruno Fitipaldo autore di 33 punti e 10 assist.

Grande impresa per la Betaland Capo d'Orlando che s'impone dopo un supplementare con il punteggio di 89-90 sulla Germani Brescia espugnando il parquet del “PalaGeorge” di Montichiari e grazie a questo successo i paladini salgono a quota sei punti in classifica dopo sei gare di Serie A.

Un successo dal dolce sapore perché arrivato in trasferta, in un torneo fin qui parecchio avaro di exploit esterni che facessero saltare il fattore campo, perché giunto in un confronto diretto con una rivale diretta per la lotta salvezza, e soprattutto perché gli atleti agli ordini di coach Gennaro Di Carlo hanno sfoderato una grande prova in termini di carattere e personalità anche a dispetto di rotazioni cortissime ed episodi sfavorevoli.

Paladini ancora una volta condizionati dalle assenze: anche Drake Diener, pur presente in panca al pari di capitan Sandro Nicevic, è costretto a supportare ed incitare i compagni a causa del risentimento muscolare accusato nella sessione di allenamento del martedì.  Altre pesanti defezioni tra i siciliani quelle degli esterni Janis Berzins e Zoltan Perl che riducevano le rotazioni ad appena sei atleti della prima squadra e con il giovane (sedicenne) del vivaio Giorgio Galipò che totalizza cinque minuti di presenza in campo e sigla una tripla di non trascurabile importanza.

Proprio il tiro dall'arco si rivela l'arma vincente di Capo d'Orlando – 14 realizzazioni su 27 tentativi – ed ancora una straordinaria prova del play uruguaiano Bruno Fitipaldo che sul carnet sfodera una prova di alta qualità con 33 punti e 10 assist e tanta sagacia unita a sostanza che lo elevano ad una delle migliori “sorprese” della stagione.

A coadiuvare il regista sudamericana le prestazioni significative in termini di realizzazioni anche di Archie e Delas, rispettivamente 20 e 19 punti, e proprio un canestro finale del pivot croato a sei secondi dalla sirena conclusiva del primo supplementare vale il definitivo sorpasso per l'89-90, con l'ultimo attacco di Brescia che si spegne nelle mani di Michele Vitali, e che apre anche il capitolo dei “demeriti” della Leonessa e mettono sul banco degli imputati il coach lombardo Andrea Diana e la prestazione di Jared Berggren in particolare.

 

Partita di grande intensità, con Brescia che sbaglia molto nell'approccio stordita dalle qualità balistiche dall'arco dei 6,25 degli atleti siciliani che prendono d'autorità le redini. Moss e compagni sono costretti a rincorrere, ma appaiano destinati a prendere il sopravvento ogni qual volta Landry trova ispirazione e contestualmente gli ospiti abbassano il loro ritmo per rifiatare anche per il notevole handicap delle rotazioni corte.

Il primo periodo si chiude sul 18-25 che fotografa il meritato vantaggio ospite, mentre i bresciani anche grazie all'apporto dell'ultimo acquisto Burns si rifanno sotto, accarezzano il sapore del controsorpasso, prima che le due squadre in sostanziale equilibrio vanno al riposo negli spogliatoi sul 42-43 in favore dei siciliani.

Al rientro Brescia, forte delle sue rotazioni più ampie, trova un vantaggio, ma commette l'errore di lasciarsi a stretto contatto gli ospiti (62-59) ed alla fine dell'ultimo periodo tra errori vari dei locali, un pesante antisportivo a Michele Vitali che riduce il distacco degli orlandini prima dei palpitanti secondi finali che al suono dell'ultima sirena vede il tabellone indicare un'incredibile 78-78 che introduce al primo supplementare in cui il miglior piglio di Capo d'Orlando prevale con un'ingenuità difensiva dei locali con Delas che s'incunea su una rimessa di Stojanovic, mentre i sogni di successo dei sostenitori locali s'infrangono sulla strenua resistenza dei paladini che con grande cuore e merito si aggiudicano i due punti in palio.

Tabellino:

Germani Basket Brescia-Betaland Capo d'Orlando 89-90

Parziali: 18-25; 24-18 (42-43); 20-16 (62-59); 16-19 (78-78); 11-12 (89-90);

Germani Basket Brescia: Moore 13 (3/4 da due, 2/4 da tre, 1/1 liberi), Berggren 3 (1/5 da due, 1/2 liberi), L. Vitali 11 (2/2, 2/9, 1/2), Landry 22 (5/8, 3/10, 3/3), Moss 6 (2/8, 0/2, 2/2), Passera (0/1 da tre), Cittadini, Burns 13 (3/5, 2/4, 1/2), M. Vitali 16 (3/3, 3/6, 1/3), Bushati 5 (0/1, 1/2, 2/4), Nyonse ne. Coach Andrea Diana.

Betaland Capo d'Orlando: Fitipaldo 33 (4/6 da due, 6/8 da tre, 7/8 liberi), Laquintana 10 (1/2, 1/2,  5/6), Stojanovic 3 (0/3 da due, 1/7 da tre), Archie 20 (1/4, 5/8, 3/6), Delas 19 (5/8, 0/1, 3/4), Iannuzzi 2 (1/4 da due), G. Galipò 3 (1/1 da tre), Carlo Stella ne, Pavicevic ne, Nicevic ne, Diener ne. Coach Gennaro Di Carlo.

Arbitri: Saverio Lanzarini, Carmelo LoGuzzo, Dario Morelli;

Giuseppe D'Amico