Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Euroleague Countdown #3

Il meglio e il peggio della due giorni in Eurolega da 10 a 0 - Terza giornata

Giovedì 27 Ottobre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega



VOTO 10 - NICK CALATHES

Nel pulp di Bamberg esce il cuore verde di Nick. Trascina i suoi come un vero e proprio istrione, è dentro tutti i momenti decisivi della gara, compreso l'incredibile finale dove mette a segno il punto dell'assurda vittoria del Pana. Fenomenale.

VOTO 9 - JAKA BLAZIC

Il colpo della giornata è tutto di Baskonia e Jaka Blazic è il principale arteficie del blitz di Madrid. Mette a segno 21 punti e rivitalizza i suoi quando il Real rimonta e sembra aver messo in ghiaccio la terza vittoria di fila. Jolly totale per Alonso.

VOTO 8 - MARKO GUDURIC

Contro il Barcellona mette a segno 21 punti, record nella sua giovane carriera in Eurolega. La Stella Rossa batte a sorpresa il Barcellona grazie anche alla sua serata, finalmente continua e convincente in tutto per tutto. E' nata una stella?

VOTO 7 - NANDO DE COLO

Avrebbe forse meritato un voto maggiore, visto che ad Istanbul il CSKA resiste grazie ai suoi 26 punti nel momento della disperata rincorsa Efes. Ma visto che ormai è un abitudinario della nostra classifica stia tranquillo, i voti più alti arriveranno senza problema. Ora Nando continua a macinare punti...

VOTO 6 - FENERBAHCE

Sei come i punti in classifica. La banda di Obra vince, ma come gioco ancora non convince più di tanto. Vittorie fisiologiche o di cervello, spettacolo ancora pochino. Si stanno risparmiando, forse?

VOTO 5 - JAYSON GRANGER

Generalmente è uno dei motori del malconcio Efes, ancora fermo a zero e disperato. Contro il CSKA, nel momento della rimonta, manca lui. Solo 7 punti e una marea di errori al tiro. Da rivedere al più presto...

VOTO 4 - FABIEN CAUSEUR

Non è ancora il giocatore che abbiamo ammirato a Vitoria e che è costato non poco nella sua difficoltà di forma a Baskonia nelle Final Four dello scorso maggio. E' ancora un oggetto misterioso per il Bamberg, da integrare al più presto.

VOTO 3 - PABLO LASO

Come non gestire un rooster immenso, a firma di Pablo Laso. Il coach del Real non capisce granchè del match contro Baskonia, si affida quasi al caso e alle individualità per cercare una vittoria immeritata. Alla fine gli dei del basket lo puniscono, giustamente.

VOTO 2 - RUDY FERNANDEZ

Dal fosforo di Tel Aviv alla scena muta nel derby. La serata con il Maccabi ci aveva illuso, Rudy ritorna al suo pane quotidiano, ovvero discontinuità a gogo, irritante come pochi e indolente. Inguardabile.

VOTO 1 - DEON THOMPSON

Non fa affatto una brutta partita sul piano tecnico: 10 punti in quasi 11 minuti sono un buon bottino. Ma perchè tutto questo nervosismo? Entra sul parquet con i nervi a fior di pelle, riesce a prendersi cinque falli in 11 minuti rovinando così la serata del Galatasaray. Perchè tutto questo?

VOTO 0 - BARCELLONA

Dopo tre giornate abbiamo un flop conclamato. Se la sconfitta di misura con il Fenerbahce ci poteva stare, non è accettabile il netto ko in casa della Stella Rossa. Va bene le assenze, ma contro un avversario nettamente inferiore il Barça fa piangere: attacco su livelli indecenti, squadra senza cuore e mordente. C'è tempo per reagire, per ora bocciatissimi!