Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Non basta un grande Fischer: a Scafati passa Tortona

Fischer segna 25 punti ma il Derthona gioca più di squadra e ottiene i due punti

Domenica 27 Novembre 2016 | | LNP


Givova Scafati – Orsi Derthona 68-75

(24-17, 33-37, 47-56)
Scafati: Fischer 25, Crow 6, Fantoni 13, Baldassarre 4, Ammannato 6, Panzini 5, Perez, Matrone ne, Santiangeli 2, Johnson 7. All. Perdichizzi
Derthona: Greene 15, Cosey 16, Alviti, Ricci 6, Sanna, Reati 15, Conti ne, Mascherpa 5, Garri 13, Cucci 5. All. Cavina
Note: T2: Sc 12/31, De 19/30; T3: Sc 6/24, De 8/22; Tl: Sc 26/34, De 13/18.
Arbitri: Beneduce di Caserta, Bramante di Verona, Dori di Mirano (VE).

 

Un leonino Orsi Derthona espugna il PalaMangano di Scafati per 68-75 e riscatta con il carattere e l’intensità dei giorni migliori il k.o. rimediato mercoledì a Siena.
Dopo un primo quarto di stampo scafatese, alimentato dal quarto perfetto di Chase Fischer (16 punti, con un sontuoso 4/4 da tre punti), che ha portato i padroni di casa avanti sul 24-17 del 10’, e poi sul 30-19 del 13’, è il Derthona a prendere il controllo delle operazioni.
Un deciso giro di vite difensivo permette ai Leoni di riprendere l’inerzia, concretizzata con i due canestri di Garri ed i liberi di Mascherpa. Greene contribuisce con quattro punti in fila, intervallati dal recupero con assist di Ricci, ed il pareggio sulle ali di un parziale di 1-12 è cosa fatta (31-31 al 18’). L’ondata Orsi prosegue con le triple di Reati e di Mascherpa, intervallate dal 2/2 dalla lunetta di Baldassarre per il 33-37 dell’intervallo.
Il terzo quarto si apre con due canestri dalla distanza di Greene e Garri, per la prima doppia cifra di vantaggio del Derthona (35-45 del 22’); Greene schiaccia il 35-47 in transizione, prima della reazione scafatese. I Leoni provano a mettere definitivamente le mani sul match dapprima mantenendo il vantaggio (47-56 al 30’), per poi spingersi fino al 49-63 del 33’. La Givova trova la forza di ritornare dentro la partita, aiutata anche dal suo pubblico e dai suoi elementi di maggiore agonismo. I gialloblu accorciano dapprima alla singola cifra di vantaggio, e poi toccano il -3 in numerose occasioni. Negli ultimi cento secondi, però, la mano di Glenn Cosey non trema: l’americano fa percorso netto dalla lunetta (8/8), permettendo al Derthona di mantenere il controllo delle operazioni sino alla sirena finale.

Fonte: Ufficio Stampa Derthona Basket