Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Torino, coach Vitucci: "Milano, per vincere, ha dovuto schierare i big di Eurolega. Stiamo facendo passi in avanti"

Parla l'allenatore della Fiat dopo la sconfitta in volata contro Milano

Domenica 6 Novembre 2016 | | Serie A

Coach Vitucci

“In settimana avevo chiesto alla squadra una partita di umiltà e determinazione e ho avuto una buona risposta. Sono orgoglioso del match disputato. Abbiamo giocato contro i migliori che per portarla a casa hanno dovuto schierare i big di Eurolega. La loro panchina ha segnato 58 punti e pertanto non la si può definire tale. Un confronto dal quale trarremo sia valutazioni positive che negative. Stiamo facendo passi in avanti e oggi mi piace sottolineare il rendimento molto più costante rispetto alle precedenti uscite nell’arco dei 40 minuti. I rookie devono essere aspettati ma mi pare che oggi abbiano dato delle belle risposte anche se devono ancora capire il peso specifico di ogni azione e ogni possesso. E’ logica l’arrabbiatura finale per il risultato negativo”.

La condizione di Wilson?: “Ha subito una contrattura e ne sapremo di più dagli esami specifici che verranno effettuati a breve. Un plauso per il fatto di aver voluto rientrare e aver dato un buon contributo. Se la sentiva e gli ho dato spazio”.

Più rotazioni rispetto al solito?: “Sono state figlie della partita e del rendimento di alcuni nostri giocatori. Spalmandole maggiormente si ha la possibilità di tenere alto il rendimento del complesso”.

Milano ha cercato di limitare in tutti i modi il rendimento di DJ White: “Sapevamo che per lui non sarebbe stata una partita facile. Molte delle attenzioni dei nostri avversari si sono riversate subito su di lui. Ne è uscito in ogni caso bene anche in questa circostanza”.

La spregiudicatezza?: “Anche questo avevo chiesto ai miei e l’hanno avuta. Contro Milano non potevamo cercare altra tattica. L’altra faccia della medaglia è che si possono sbagliare tiri come quelli finali. Il match contro l’Olimpia è unico e per tutti non rappresenta certo la norma del campionato”.

Fonte: Ufficio Stampa Auxilium Cus Torino