Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Il Maccabi cala il tris. Olympiacos, così non va

Gli israeliani passano al Pireo 80-73

Giovedì 24 Novembre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

Terza vittoria consecutiva e colpaccio al Pireo per il Maccabi Tel Aviv, che sbanca la tana dell'Olympiacos per 80-73 e sale a 10 in classifica agganciando proprio i biancorossi, autori di una prova pessima e decisamente sottotono.
La chiave del successo israeliano è stata nella maggior continuità ed intensità impressa in tutto il match da parte dei ragazzi di Rami Hadar, sempre avanti rispetto a un Olympiacos assai compassato e che ha provato a raddrizzare le cose quando ormai i buoi erano scappati da un pezzo.
D. J. Seeley per il Maccabi ha fatto 5 su 8 da tre punti, mettendo in toto 19 punti. Colton Iverson ha messo 14 punti  più 8 rimbalzi, Sonny Weems ha raccolto 12 punti e 6 assist, Andrew Goudelock ha segnato 12 e Devin Smith 10 punti.
Nell'Olympiacos il migliore è stato Matt Lojeski con 15 punti, Vassilis Spanoulis ha segnato 14 e Erick Green ha aggiunto 10.
L'inizio di Smith è stato da urlo: due triple e  0-8 Maccabi, divenuto 5-12 dopo quattro minuti. Il Maccabi prova la fuga sul 9-20 con Seeley, Birch con un 7-0 di parziale accorcia: 16-20. Papapetrou va ai liberi, ma non riduce il -4: 20-24 Maccabi dopo 10.
Nel secondo quarto Seeley e Smith sono implacabili: 31-38. Il Maccabi controlla, l'Olympiacos è blocatto: si va all'intervallo sul 37-44.
Dopo la pausa c'è un vero e proprio strappo: l'Olympiacos è totalmente spento, Rudd e Weems impongono un parziale monstre di 3-13: 40-57. Di fatto questo passaggio segna la gara, si va a fine 10 sul 49-65.
Nell'ultimo quarto prova ad accendersi Spanoulis, portando i biancorossi sul 61-72, provando una rimonta tardiva, perchè il Maccabi gestisce e controlla fino alla fine per un 73-80 che vale l'aggancio in classifica e lancia un messaggio a tutti.