Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

L’OraSì è più squadra e batte la Virtus all’Unipol Arena

L'Orasì Ravenna non lascia scampo alla Segafredo Bologna cui non basta un Lawson da 27 punti

Domenica 23 Ottobre 2016 | | LNP


Virtus Bologna – OraSì Ravenna 75 – 90 (26-21, 44-44, 53-70)

Bologna: Spissu 4, Umeh 18, Pajola, Spizzichini 1, Petrovic ne, Ndoja 10, Rosselli 4, Michelori 11, Oxilia, Penna, Lawson 27. All. Ramagli.

Ravenna: Smith 16, Scaccabarozzi ne, Sgorbati 9, Chiumenti 6, Marks 18, Raschi 9, Masciadri 16, Tambone 9, Crusca, Seck, Sabatini 7. All. Martino.

 

È un’incredibile quanto emozionante vittoria quella conquistata dall’OraSì Ravenna sul parquet dell’Unipol Arena. I ragazzi di Coach Antimo Martino portano a casa il successo grazie a un grande terzo quarto, dove segnano 4 triple su 5 tentativi e riescono ad essere incisivi anche nella metà campo difensiva. Top scorer per i giallorossi è il solito Derrick Marks  (18 punti) che firma anche le due triple che chiudono la partita nel quarto quarto. Doppia cifra anche per Masciadri (16 con 7 rimbalzi) e Smith (16), fenomenale in difesa con un paio di stoppate decisive. Per i padroni di casa non basta un ottimo Lawson da 27 punti e 10 rimbalzi, l’OraSì è brava a pareggiare l’intensità avversaria e a portare a casa due punti storici.

 

LA CRONACA

 

Ravenna parte bene e va subito 0-6, ma la Virtus reagisce subito in un inizio di partita in cui entrambe le squadre segnano con continuità. L’OraSì resta avanti fino al 14-17, poi si inceppa in attacco e un parziale di 6-0 vale il sorpasso dei padroni di casa sul 20-17. Lawson si conferma molto pericolo a rimbalzo d’attacco e le V nere allungano il parziale a 12 guadagnandosi il +9 sul 26-17. Capitan Raschi emula il tiro di Mancinelli di settimana scorsa da metà campo per il 26-21 di fine quarto. Il secondo periodo si apre all’insegna di Michelori che con 7 punti riporta a +8 Bologna. I ragazzi di Coach Antimo Martino non mollano e tornano sotto prima con Masciadri poi con Smith, i cui ultimi 4 punti valgono il pareggio a quota 44 con cui si torna negli spogliatoi.

 

Il terzo quarto è tutto giallorosso, l’OraSì aggiusta la difesa concedendo appena 9 punti, mentre in attacco segnano un po’ tutti. Le triple di Sgorbati e Masciadri e i 6 punti di Chiumenti valgono la fuga di Ravenna che tocca il +19 a 2’ dalla fine del parziale, prima di chiudere sul 53-70. Nel quarto periodo prova ad entrare in partita anche il pubblico di casa, ma prima Tambone per il 58-77 (ancora +19), poi Raschi per il 62-80 respingono il primo tentativo di rimonta bianconero. Ndoja prova ancora ad accorciare appena dopo metà periodo, ma gli americani dell’OraSì alzano la voce, Smith con tre stoppate e Marks con la tripla del 65-83. Ancora Smith con il tapin e poi Marks in penetrazione firmano il 69-87, ma Ndoja non molla e con 4 punti consecutivi riporta i suoi a -15 sul 73-87. La guardia americana giallorossa però chiude i conti con un’altra bomba dal palleggio che vale il 73-90 e il delirio per i tifosi ravennati all’Unipol Arena.

Fonte: Ufficio Stampa Basket Ravenna