Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sacripanti: "Sassari campo ostico. Massima concentrazione per 40 minuti"

"Non dobbiamo regalare nulla e dovremmo cercare di abbassare le loro percentuali dalla lunga distanza"

Venerdì 18 Novembre 2016 | | Serie A

Dopo la vittoria contro il KK Mornar a Montenegro coach Sacripanti è totalmente concentrato su quella che sarà un’altra partita chiave per le prime posizioni nella classifica in campionato: “Andiamo a Sassari in un campo che li ha visti sempre vincere e giocheremo alle 12 un orario un po’ fuori da normale quindi potremmo incontrare delle difficoltà. Giocheremo, a mio parere, con una delle prime 3-4 squadre del nostro campionato, hanno tanto talento offensivo e giocano con un ritmo molto elevato. La gestione del ritmo, palle perse e rimbalzi saranno la base di questa partita, vedremo chi sarà più bravo a controllarli. Bisogna restare concentrati per tutti i 40 minuti. Sassari gioca molto bene ed hanno percentuali molto alte sul tiro da 3. Non dobbiamo regalare nulla e dovremmo cercare di abbassare le loro percentuali dalla lunga distanza, questa sarà la chiave della partita.” L’allenatore irpino non vuole trovare alibi sul fronte stanchezza fisica dovuta al doppio appuntamento: “Sicuramente i viaggi della coppa non ci aiutano ma stiamo lavorando bene e con intensità, l’importante è che tutti i giocatori mettano il massimo impegno durante gli allenamenti, questo è un aspetto che aiuta molto a non percepire la stanchezza.” Per quanto riguarda il livello di crescita della squadra Sacripanti ha le idee chiare: “A livello di risultati credo che siamo al di sopra alle nostre aspettative, anche alla luce del cambio di molti giocatori, abbiamo una difesa molto solida che in generale fa tirare male gli avversari, non siamo ancora bravi nel forzarli per fargli aumentare le palle perse, ma spero che con il tempo possiamo migliorare anche in questo aspetto. Un’altra caratteristica da migliorare è quella dei break durante la partita, non siamo ancora una squadra che dà lo strappo alla gara.”

Fonte: Ufficio Stampa Scandone Avellino