Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Super Simonovic guida la Stella alla rimonta nella tana del Gala

Vittoria 85-83 per i serbi a Istanbul

Sabato 22 Ottobre 2016 | | Eurolega

Chi di rimonta perisce, di rimonta ferisce! Perdonateci l'infelice gioco di parole rovesciato, ma mai come stasera questo finto detto si addice alla Stella Rossa.
Dopo il doloroso sorpasso della scorsa settimana in casa contro il Darussafaka, i serbi si vendicano nella tana dei cugini dei Dogus, il Galatasaray, vincendo 83-85. Autentico protagonista della rimonta biancorossa è stato Marko Simonovic, autore di 23 punti e tanta garra nell'inizio assai duro per la Stella. Bene anche Jovic (14 punti), mentre Guduric e Kuzmic (entrambi 11) hanno mostrato finalmente nervi saldi,
Secondo ko interno per il Gala, che dopo un avvio scintillante si è piegato su se stesso, accortosi di aver poche soluzioni a parte Daye (24 punti) e Tyus (19). Dietro loro il nulla, o quasi, e Ataman dovrà riflettere su ciò visto che la gara non era assolutamente fuori portata per i Cim Bom Bom.
La partenza è tutta giallorossa. Tyus e Koksal marmaldeggiano in una difesa inguardabile della squadra di Radonjic, e il 19-5 è emblematico. Il tecnico serbo ricorre subito a Simonovic, ma il primo quarto ha pochissima storia e si chiude 30-17.
La musica però cambia, e proprio Simonovic è il promotore del cambio di trend. Daye martella, ma la difesa del Gala comincia ad imbarcare acqua e le alternative son poche: si arriva all'intervallo sul 47 pari, rimonta già completata.
Il confronto nel terzo quarto diviene un autentico faccia a faccia tra Simonovic e Daye. Il serbo prima domina e infligge un pesantissimo -15 (54-69) ma il quarto non è finito e Austin Daye avvia la rimonta fino al -2 (67-69).
Ancora Daye, in avvio di ultimo quarto, firma l'immediato 69 pari, e inizia un massacrante testa a testa. La Stella Rossa la spunta nel finale grazie al maggior collettivo e a Jovic, che firma la differenza dell'83-85, mentre il Gala piange le poche varianti di un gioco ancora tutto da sviluppare.