Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

NBA Night in Review: Clippers sempre più dominatori, derby ai Knicks. Sempre peggio Philadelphia

I Top, le sorprese ed i Flop della nottata

Giovedì 10 Novembre 2016 | Antonio Lambiase | NBA

TOP:

Los Angeles Clippers: per ora la città degli angeli è tutta di marca “Clipperiana”, aspettando i Lakers. Sono senza dubbio la franchigia con la miglior condizione ad Ovest. Sotto il loro rullo compressore, questa volta sono capitati i Portland Trail Blazers del duo Lillard-McCollum che, ad onor del vero, hanno racimolato solo 16 punti in totale, giornata decisamente storta per loro. Finisce 111-80. La squadra di coach Doc Rivers inanella la sua settima vittoria in questa stagione.

 

Kristaps Porzingis: la partita inaugurale, è il derby della Mela tra Nets e Knicks. Al Medison Square Garden la spuntano i padroni di casa, grazie anche al tuttofare lettone. Stoppa, blocca e segna con il 50% dal perimetro. È autore di un'ottima prestazione individuale da 21 punti e 8 rimbalzi concludendo con il +4 di valutazione.

 

DeMar DeRozan: il top scorer tra le undici partite giocate, non poteva non finire nella top 3. La guardia in forza ai Toronto Raptors, guida la franchigia canadese alla sua quinta vittoria stagionale contro un'ottima Oklahoma. Alla fine dei 48 minuti il tabellino personale recitava 37 punti 4 rimbalzi e 6 assist. Menzione d'onore anche per la contro parte statunitense: Westbrook ne fa un in meno del suo avversario.

 

 

FLOP:

Dragan Bender: la scelta #3 del Draft 2016 non riesce ancora a brillare e a trovare spazio a Phoenix. La sua squadra, questa notte, ha vinto contro Detroit ma il rovescio della medaglia sono gli 0 punti del giovane croato e il non essere ancora riuscito ad entrare nello starting 5 della società dell'Arizona. Paga tutto questo con un -3 di valutazione.

 

Philadelphia 76ers: nell'anno della presunta rinascita di Philly (ma della sfortuna ndr.), arriva ancora una sconfitta. Questa volta è l'overtime a condannare la franchigia. Ad Indianapolis, è rimasta aggrappata fino all'ultimo quarto ma i 5 minuti supplementari hanno evidenziato solamente 6 punti. Così arriva la settima sconfitta consecutiva.

 

 

SORPRESA:

Marco Belinelli: bastano 26minuti al #21 di Charlotte per concludere in doppia cifra: 13 punti per lui nella notte e vittoria dei suoi Hornets contro Utah. Finisce 104-96. Da segnalare anche i 21 punti del teammate Kemba Walker. La squadra di Jordan è prima ad Est.