Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Neanche l'Olympiacos ferma il CSKA. E' cinque su cinque!

Vittoria in Grecia 75-81 per i russi

Venerdì 4 Novembre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

Ne resterà solo uno, diceva Christopher Lambert nel suo celebre "Highlander". Dopo cinque giornate di Eurolega possiamo dire che solo una è rimasta imbattuta, e come prevedibile questa una porta al nome del CSKA Mosca campione in carica.
La squada di Itoudis ha superato per 75-81 l'Olympiacos, dando l'ennesima dimostrazione di forza di fronte alla squadra più in forma della competizione e con uno Spanoluis dato in condizioni scintillanti.
Al Pireo l'Olympiacos le prova tutte ma non riesce ad arginare il solito implacabile Nando De Colo, 23 punti, 9 rimbalzi e 3 assist, ben assistito da un Aaron Jackson in gran serata (15 punti e 5 assist) e un Kyle Hines chirurgico (13 punti). Malino al tiro Milos Teodosic, 10 punti ma tantissimi errori parzialmente limitati dalla solita genialità in assistenza (5 assist).
All'Olympiacos non è bastato un encomiabile Georgios Printezis, 26 punti e tantissimo cuore. E' mancato parzialmente Spanoulis, buono ma non buonissimo come nelle precedenti uscite (14) e soprattutto Vangelis Mantzaris, che ha steccato al momento del dunque realizzando la miseria di 3 punti.
Il CSKA fa subito vedere di che pasta è fatto con un veloce 0-6 firmato De Colo e Vorontsevich. Jackson allunga sul 7-14 che inibisce inizialmente l'Olympiacos che riesce a scuotersi con il solito Printezis che chiude il primo quarto 21-25.
La squadra di Itoudis ha carattere da vendere e blocca letteralmente le fonti offensive di quella di Sfairopoulos a inizio secondo quarto. Il 24-33 è uno spettacolo con il trittico Teodosic-De Colo-Hines che incantano il Peace and Friendship Stadium di Atene. L'Olympiacos non c'è, ci prova Papapetrou, Kharyapa e Hines dilagano: 28-44 all'intervallo.
Nel terzo trimestre l'Olympiacos si sblocca davanti, ma cambia poco dietro perchè i soliti Teodosic e De Colo, con Jackson, fanno faville: 51-66.
Nell'ultimo quarto, però, l'Olympiacos tira fuori tutto quello che ha: Printezis e Green accendo un'irresistibile rimonta fino al 74-77 che incendia il pubblico biancorosso. Ma il CSKA, come detto, ha nervi d'acciaio e fronteggia le difficoltà. De Colo, Vorontsevich e Jackson chiudono e il CSKA vola 81-75, 10 punti e primato solitario. L'Olympiacos resta a 6 e rimpiange il risveglio tardivo...