Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La Capolista Treviso asfalta Chieti

Proger Chieti 54 - 79 De Longhi Treviso (parz: 10-20; 21-34; 36-56; 54-79)

Lunedì 28 Novembre 2016 | Umberto Fusella | LNP

La De Longhi Treviso del navigato coach Stefano Pillastrini, coglie la sua seconda vittoria consecutiva in trasferta in terra d'Abruzzo. Dopo Roseto è Chieti a soccombere al talento e alla superiorità fisica dei biancoverdi trevigiani. Si inizia subito con un parziale di 6 a 0 per Treviso, dopo appena 3 minuti dalla palla a due. Molto bella a metà quarto la giocata tra Davide Moretti (assist) e Quenton DeCosey (schiacciata al volo) con Treviso sempre al comando (3-9). Coach Galli prova la carta Davis ma gli viene fischiato subito un fallo antisportivo e Treviso sfrutta al massimo l'occasione, riallungando nuovamente, 8-13 a 2min. dal termine della prima frazione. Il quarto si chiude con una bomba da oltre l'arco di Andrea Saccaggi che firma il massimo vantaggio (+10) per i trevigiani. Le percentuali del tiro da 2 di Chieti continuano ad essere piuttosto basse e Saccaggi colpisce di nuovo con un'altra pesante tripla, fissando il punteggio a 6min. e 50sec. dal termine della seconda frazione sul 25 a 10. Continua lo show da 3 punti di Treviso e anche Moretti (figlio d'arte) infila la sua prima bomba (13-32). Chieti è sicuramente la brutta copia di Piacenza, lenta in difesa dove non riesce in alcun modo a limitare i danni sotto le plance e in attacco fa cilecca da qualsiasi posizione. L'unico che prova a rimettere in piedi il match è Cade Davis con 2 centri di fila, ma non basta perchè si va negli spogliatoi per il lungo riposo con Treviso sempre con la testa avanti: 24-31. La squadra di casa inizia male anche il terzo periodo con un fallo veramente inutile di Golden sull'americano di Treviso, DeCosey che ringrazia e infila un gioco da 3 punti che porta i suoi al massimo vantaggio, 21-39. Il tempo scorre e l'altro americano di Treviso, Jesse Perry allo scadere dei 24sec. allarga ancora la ferita, ora il divario comincia a farsi veramente pesante (24-41). Prima Mortellaro (il suo primo canestro lo segna a metà del terzo periodo) e poi Golden (4 punti di fila) tentano di riavvicinare Treviso (32-44), ma l'impresa oggi sembra essere cosa assai difficile anche perchè Treviso non accusa cali di concentrazione e il lungo play Fantinelli spara l'ennesima tripla che apre una voragine. I veneti volano sul 49 a 32 a 3min. dal termine della terza frazione di gioco. I contributi di Golden & Daivs oggi non bastano alla Proger Chieti per ricucire lo strappo e infatti il quarto si chiude ancora con Treviso in netto vantaggio: 36-56. I biancoverdi continuano a cogliere il bersaglio da tutte le zone del campo, anche perchè la difesa della Proger è completamente saltata e chiudono anticipatamente l'incontro. A 6 min. dal termine la De Longhi conduce 66 a 38 con Chieti che ormai gioca a fari completamente spenti. Le percentuali in attacco delle Furie sono da brividi e forse stasera nessun giocatore biancorosso raggiunge la sufficienza. A 4min. dal termine Treviso raggiunge quota 72 contro i 40 di Chieti. Il resto non ha più importanza. Partita da dimenticare per il team di coach Galli, mentre Treviso seguita ed incitata per tutti e quaranta i minuti da 50 irriducibili, fa festa meritatamente e resta in cima alla classifica, infliggendo un severo passivo alle furie biancorosse.

LOW: Le percentuali al tiro di Chieti sono disastrose: 15/44 da 2 e 7/23 da 3.

HIGH: Il gioco organizzato in ogni dettaglio del team trevigiano.

NUMBERS: 41 i rimbalzi totali di Treviso (35 in difesa). 10 quelli di Andrea Ancellotti (MVP) e 11 (4+7) quelli di Jesse Perry.

 

Foto: Giampaolo Rosati (Fotografo ufficiale Pallacanestro Chieti)