Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sudore e tanta fatica, ma è due su due Olimpia a Istanbul!

Milano vince 81-80 in casa del Darussafaka

Venerdì 21 Ottobre 2016 | Alessandro Vignati | Eurolega

Lucio Dalla cantava "Milano, che fatica!" e forse meglio di questo passaggio non ci sarebbe altro per riassumere questo avvio di Eurolega dell'Olimpia.
Dopo la grande e sofferta vittoria di giovedì scorso al Forum con il Maccabi, l'EA7 replica alla Wolkswagen Arena di Istanbul, vincendo 81-80 al cospetto di un Darussafaka prima domato e poi arrembante con un finale al cardiopalma.
Due vittorie in altrettante giornate per Milano, che oggi ringrazia un superbo Milan Macvan, 17 punti e 80% a referto. Il serbo era già stato sugli scudi contro il Maccabi, ma a Istanbul è stato il vero motore dei ragazzi di Repesa, specie nel primo tempo dove l'Olimpia ha dettato i ritmi. Ottimo McLean quando chiamato in causa (11 punti), micidiale da tre Kalnietis quando la gara sembrava scappare di mano.
Il Darussafaka, come nel primo match di Belgrado, si è mostrata squadra capace di partire a ritmi ridotti per poi accelerare nella seconda parte dell'incontro, Contro la Stella Rossa questo trend funzionò per i neroverdi di David Blatt, questa volta è mancato solo un punto. Il migliore dei turchi è stato Adrien Moerman, 20 punti e leader ormai indiscusso dei Dogus. Bene anche l'ex Bamberg Wanamaker (16 punti).
La gara comincia all'insegna di Macvan, che porta Milano sull'11-3 grazie anche a Raduljica che prova a mettere il suo fisicaccio al servizio. Il Darussafaka, però, si aggrappa sin da subito alla vena da tre di Moerman, che è di fatto l'unico traino di una squadra un po' bloccata ma che riesce a rimanere in partita e vicina all'Olimpia: 23-24 a fine primo quarto.
Milano, però, mostra maggior qualità ed è più squadra. McLean, Simon e Sanders producono un immediato 0-9 (23-33) che diventa il massimo vantaggio Olimpia. Bene in questa fase anche Alessandro Gentile, mentre i turchi annaspano con pochi riferimenti, se non il solito Moerman. Il finale vede Darussafaka avvicinarsi a -5: 41-46.
L'inizio di terzo quarto sembra cominciare bene per Milano con i due punti di Dragic (41-48), però la gara cambia e l'EA7 si spegne. Si accende, invece, Wanamaker che, con il solito Moerman, guida la rimonta fino al -2: 58-60 a fine terzo parziale.
Il Darussafaka pareggia subito con Moerman (60 pari), ed è tutto da rifare per Milano. Gli errori, però, sono molteplici anche dalla parte dei turchi, e le Scarpette Rosse decidono di lottare con Sanders e McLean andando a +7 (66-73). Tutto in discesa? Macchè! Macvan commette tecnico, i turchi ribaltano a vanno con Wanamaker avanti (74-73) e con i due di Moerman (76-73) sembrano scrivere un finale doloroso per Milano, in una Wolkswagen Arena infuocata. Ci vogliono attributi d'acciaio a 47 secondi dalla fine, quelli di Kalnietis che trova una tripla da casa sua: 77-76 EA7. McLean non è da meno e sigla due tiri liberi per il 76-79, Moerman accorcia a -1 e poi Simon, dalla lunetta, mette il +3 (78-81). Nel finale Wanamaker fa due su due in lunetta ma non basta, finisce 80-81 con Milano che con il cuore a mille vola in testa all'Eurolega!