Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Pancotto: "Il focus: rimbalzi, meno palle perse e saper reagire di squadra"

Il coach di Cremona chiede una reazione dopo la brutta sconfitta di settimana scorsa

Sabato 22 Ottobre 2016 | | Serie A

Si è svolta venerdì 21 ottobre presso l’Holis Medical Center di Cremona la consueta conferenza stampa di coach Pancotto a presentare la sfida di domenica a Torino contro l’Auxilium Cus targato Fiat.
Queste le considerazioni del coach biancoblu: “Obiettivo principale della nostra difesa sarà quello di togliere qualità, talento e punti a Torino mentre quello del nostro attacco sarà di mantenere alta la qualità del gioco dentro fuori, in altre parole riuscire a bilanciare nel migliore dei modi tutto quello che riusciremo a produrre.

Dobbiamo farci accompagnare durante tutta la partita dalla fiducia che deriva dai vari momenti della gara per cui il focus è: rimbalzi, meno palle perse e, nei break, saper lottare e reagire di squadra. Questo perchè, soprattutto all’inizio del campionato, bisogna avere reazioni di organizzazione e di sistema, reazioni che partono dalla qualità di gioco, quella qualità che noi in tanti momenti abbiamo saputo esprimere.

Di Torino penso al quintetto di assoluto valore, potremmo dire da primissime formazioni, e penso al loro allenatore, anch’esso di assoluto valore. Torino è una squadra che ha tanti punti nelle mani, ha potenzialità, ha tanto talento per potersi esprimere sia a tutto campo che nella metà campo e, ancora di più, ha giocatori che sanno e che possono risolvere situazioni a livello individuale. Uno di questi lo conosciamo bene perchè è stato parte della Vanoli Family ed è Washington.

Affrontiamo allora una squadra esperta, che gioca in casa in un bellissimo ambiente come quello di Torino. Tutto ciò mi porta a considerare che le nostre motivazioni dovranno essere superiori a quelle degli avversari. La voglia di giocare meglio degli avversari deve essere un input che ci deve accompagnare prima del salto a due e dobbiamo fare tutto, ma proprio tutto insieme“.

Fonte: Ufficio Stampa Vanoli Basket