Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Derby da brividi a Roma: Deloach regala all'Eurobasket la vittoria

La Virtus Roma perde il derby in volata: Deloach chiude i giochi con una magia

Domenica 27 Novembre 2016 | | LNP


VIRTUS ROMA – ROMA GAS & POWER EUROBASKET 79-80
(18-22; 38-40; 59-56)

VIRTUS ROMA: Chessa 25 (2/3; 4/8), Brown 12 (6/11), Sandri 13 (2/5; 2/3), Raffa 15 (7/14), Benetti (0/1 da 3), Landi 2 (1/2; o/1), Vedovato (0/1 da 2), Maresca 12 (3/9; 1/4), Baldasso (0/1; 0/1), Piccolo, Lentini ne. All. Corbani, Ass. Esposito e Zanchi

ROMA GAS & POWER: Belloni ne, Deloach 15 (6/7; 1/8), Malaventura 3 (1/4 da 3), Fanti 12 (6/10 da 2), Stanic 4 (0/6; 0/4), Righetti 12 (4/7; 0/2), Petrucci, Vangelov 2 (1/1), Easley 17 (6/7) Bonessio 15 (7/8), Cicchetti ne, Santini ne. All. Bonora, Ass. Di Chiara e Pilot

Arbitri: Materdomini, Terranova e Martellosio.

Un canestro in arresto e tiro di Moe Deloach a 3” dalla fine regala alla Roma Gas & Power il derby d’andata e soprattutto la prima storica vittoria in trasferta in A2. Arriva al termine di una gara, come prevedibile, equilibrata, in cui le due squadre si rincorrono e si giocano la sfida agli ultimi possessi. Parte meglio l’Eurobasket, brava a togliere ritmo alla Virtus e cercare canestri con più continuità e distribuendoli meglio tra i suoi uomini.

Le difese sono concentrate sugli stranieri avversari, allora ne approfittano i romani doc Bonessio e Fanti tra gli ospiti, mentre Chessa è ispiratissimo e l’unico a perforare la retina con costanza per la Virtus. Il vantaggio della Roma Gas & Power, a confermare la sensazione di un migliore controllo della partita, tocca in due circostanze anche le otto lunghezze (18-26; 24-32), ma Sandri si affianca all’ex Sassari con due bombe (mentre l’Eurobasket sbaglierà i primi 14 tentativi) e ricuce, impattando a 32. Bonessio domina i due lati del campo con sei punti in fila (32-38), ma la Virtus è sorniona e arriva prima sulle vaganti, approfittando dei tiri liberi dopo qualche fischio troppo fiscale per riacciuffare la nuova parità a 38. Prima della sirena, però, pur entro l’arco,  Righetti buca la zona avversaria con un long two dall’angolo: 38-40.

Dopo l’intervallo la Virtus riesce ad alzare i ritmi, è più intensa in difesa e può distendersi in contropiede con Raffa, ma anche a difesa schierata l’attacco sembra più fluido ed il +8 (57-49) con un paio di prodezze del suo playmaker sembrano essere già una prima ipoteca su una partita così equilibrata, anche perchè oltre che dai 6.75, la Roma Gas & Power fatica anche ai liberi (3/10). Ma quando ne mette quattro in fila è ancora ad un possesso pieno di distanza.

Si rivelerà un fattore decisivo nel non lasciar scappare via la partita probabilmente nel suo momento più importante, perché sul 64-60 un paio di difese più energiche – pazzesca la stoppata di Bonessio su Raffa – e il definitivo ingresso in partita anche offensivamente degli americani generano l’aggancio a 64. I biancoblu sono 0/14 da 3, ma spesso e volentieri hanno costruito bene, quindi finalmente tocca a Malaventura rompere la maledizione, imitato a stretto giro da Deloach (64-70), col gioco da tre punti di Easley che tiene ancora a +5 i suoi. L’Eurobasket avrebbe anche in un paio di circostanze il possesso per allungare ulteriormente, ma una palla persa di Deloach innesca il fallo antisportivo dello stesso americano su Brown, che il lungo di casa, però, non converte con un sanguinoso 0/2. Ciononostante, il fischio sembra cambiare un pò l’inerzia, perchè la Virtus fa 7-0 con i liberi di Chessa intervalli dal pareggio di Brown per il nuovo sorpasso: 75-73. Stanic fa solo 1/2 mentre Maresca segna nonostante l’interferenza di Bonessio a 79” dal termine, ma Raffa commette il quinto fallo e Righetti è una sentenza per il -1. Easley “para” tutto ciò che passi nelle sue vicinanze e dall’altra parte, allora, Deloach è lestissimo nell’ attaccare intelligentemente Baldasso per il sorpasso. Brown, però, sfrutta una difesa troppo concentrata sui tiratori avversari per siglare il nuovo vantaggio a 13” dal termine (79-78), ma dal timeout la palla finisce come prevedibile nelle mani di Deloach, che non riesce a servire Easley e contro il cambio di Brown va per l’arresto e tiro contro le braccia protese dell’avversario: è sorpasso a 2 secondi e 98 centesimi dal termine.

L’ultima difesa sulla rimessa “sfida” Sandri, il cui tiro finisce sul ferro e poi nelle mani di Easley (ancora in doppia doppia) liberando la gioia dei tifosi grandi e piccoli, encomiabili nel supportare la Roma Gas & Power per tutti e quaranta i minuti. Finisce con un unico grande abbraccio per una vittoria che vale l’aggancio alla Virtus e lo scontro diretto a favore, ma soprattutto il secondo successo di fila ed un colpo esterno che riporta a 0 in media inglese la squadra di Bonora.

Fonte: Ufficio Stampa Eurobasket Roma